30.03.07

Eni Bilancio Consolidato 2006

Il Consiglio di Amministrazione Eni ha approvato ieri sera il bilancio consolidato dell’esercizio 2006 che chiude con l’utile netto di 9.217 milioni di euro e il progetto di bilancio di esercizio 2006 di Eni SpA che chiude con l’utile netto di 5.821 milioni di euro. Il Consiglio ha deliberato di proporre all’Assemblea la distribuzione del dividendo di 1,25 euro per azione (pay-out 50%), di cui 0,60 euro già distribuiti nell’ottobre 2006. Il dividendo a saldo di 0,65 euro per azione sarà messo in pagamento a partire dal 21 giugno 2007 con stacco cedola il 18 giugno 2007. Il bilancio consolidato e il progetto di bilancio di esercizio di Eni SpA sono stati messi a disposizione del Collegio Sindacale e della Società di revisione. In allegato sono indicati gli schemi riclassificati del conto economico e dello stato patrimoniale del bilancio consolidato dell’Eni e del bilancio di esercizio di Eni SpA al 31 dicembre 2006. Il Consiglio di Amministrazione ha infine approvato il primo Bilancio di Sostenibilità nel quale Eni, seguendo le più avanzate best practice internazionali, rappresenta il suo impegno sul fronte dello sviluppo sostenibile. Leggi il testo completo (su Eni.it)

29.03.07

Eni, dopo l’accordo con Petrobas, Livorno diventerà la capitale dei biocarburanti

Dopo aver raggiunto l’accordo con compagnia petrolifera brasiliana Petrobas, l’Eni ha espresso la volontà di utilizzare gli stabilimenti di Stagno (Livorno) per aprire l’attività di produzione di biocarburanti.

“Da quanto si evince dalle note diffuse dalla compagnia italiana, le due società metteranno insieme le proprie tecnologie esclusive “per la produzione di biodiesel e bioetanolo per sviluppare progetti congiunti per la produzione di biocarburanti in paesi terzi”, oltre a collaborare “nella successiva commercializzazione di questi prodotti sui mercati internazionali”. A partire da Livorno, dove si prevede la produzione di 250mila tonnellate di biocarburanti.”

Leggi l’articolo su “Greenreport” (28/03/2007): Livorno futura capitale dei biocarburanti?

“L’Eni annuncia una svolta sulle raffinerie di Livorno. Dopo che ieri a Brasilia ha firmato assieme alla compagnia Petrobras un Memorandum sul fronte della produzione di biocarburanti, ha infatti espresso la volontà di utilizzare gli stabilimenti di Stagno (Livorno) per aprire questa nuova attività.”

Leggi l’articolo su “In Toscana” (28/03/2007): La raffineria di Livorno diventa bio?

28.03.07

E il ‘cane a sei zampe’ si allea con Petrobras

Corriere della Sera – 28 marzo 2007
Firmato ieri l’accordo tra Eni e la brasiliana Petrobras. Paolo Scaroni ha spiegato che il primo obiettivo è mettere a frutto la leadership Petrobras nei biocarburanti e quella Eni nella tecnologia per il biodiesel. L’accordo si estende all’Africa, in particolare all’Angola. Secondo pilastro, la tecnologia Eni per la conversione di greggio pesante in prodotti leggeri come gasolio e benzina. Terzo, la presenza Eni nell’upstream brasiliano.
Un’intesa “potenzialmente enorme”, secondo il presidente del Consiglio Romano Prodi che può aprire a ulteriori sviluppi, mentre secondo il presidente brasiliano Ignacio Lula l’accordo “allarga il mercato del biocarburante per rispondere alla sfida del secolo”, la riduzione dei gas serra.

27.03.07

Eni firma accordo con Petrobras per progetti congiunti nella produzione di biocarburanti e nella raffinazione di petrolio

Le due società studieranno progetti congiunti per la produzione e raffinazione di petrolio in cui Eni metterà a disposizione di Petrobras la tecnologia esclusiva EST (Eni Slurry Technology) per la conversione dei residui e dei greggi pesanti – tipici dell’upstream brasiliano – in prodotti finiti come gasolio e benzina nell’ambito di una alleanza che consenta a Eni di avere spazio, in partnership con Petrobras, nella produzione e raffinazione di greggio in Brasile. Leggi il testo completo (su Eni.it)

27.03.07

Eni, presto la firma nell’accordo con Petrobas

L’accordo riguarda la produzione di etanolo in Africa, il progetto ambizioso è di Paolo Scaroni, lo ha annunciato il presidente del Consiglio Romano Prodi, in seguito ad una visita in Brasile.

“Sì, penso di sì. Uno degli obbiettivi concreti principali di questa missione è proprio il rapporto Eni-Petrobras nelle nuove energie, ha risposto Prodi a chi gli chiedeva se ci sarà un accordo tra i due gruppi nelle prossime ore.”

Leggi l’articolo su “Reuters Italia” (26/03/2007): Eni, presto firma accordo con Petrobras – Prodi

Il presidente del Consiglio, Romano Prodi, ha confermato che nelle prossime ore dovrebbe esserci la firma dell’accordo tra Eni e Petrobras sui biocarburanti.

Leggi l’articolo su “Agi News” (26/03/2007): PRODI: NELLE PROSSIME ORE FIRMA ACCORDO ENI-PETROBRAS

“Uno degli obiettivi concreti principali della nostra missione in Brasile è proprio il rapporto tra Eni e Petrobras sulle nuove energie” ha anzi commentato il premier. L’intesa dovrebbe prevedere una joint venture tra Eni e Petrobras per la produzione di etanolo in Africa. In Brasile nelle prossime ore dovrebbe dunque giungere l’amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, oggi a Mosca per l’incontro col suo omologo di Gazprom, Alexei Miller, nel corso del quale i due manager hanno rilevato i progressi raggiunti nella realizzazione dell’accordo dello scorso 14 novembre.”

Leggi l’articolo su “Affari Italiani” (26/03/2007): Eni/ Scaroni globetrotter dalla Russia al Brasile per siglare nuovi accordi

“L’intesa punterà a sviluppare in Angola una produzione in joint venture di biocarburanti, l’energia pulita che in Brasile è da tempo una realtà, ma che in Europa è appena agli inizi.”

Leggi l’articolo su “Il sole 24ore” (27/03/2007): Energia, patto Italia-Brasile

Con Prodi in Brasile è arrivato anche l’amministratore delegato dell’Eni, Paolo Scaroni, che ha un ambizioso progetto con l’ente energetico brasiliano Petrobras, in Angola e Mozambico. “L’Eni ha mantenuto trattative con la Petrobras per sviluppare un audace progetto di partnership per la produzione di etanolo da canna da zucchero in paesi africani – ha detto ancora Skaf – Questa iniziativa sarà una joint venture italo-brasiliana”.

Leggi l’articolo su “Italiaestera” (27/03/2007): ECONOMIA: l’Italia costruirà quattro fabbriche di biodiesel in Brasile. Accordo Eni- Petrobras

26.03.07

Incontro di lavoro tra Alexei Miller e Paolo Scaroni

Le parti hanno discusso l’andamento dell’accordo strategico sottoscritto lo scorso 14 novembre. Leggi il testo completo (su Eni.it)

26.03.07

Eni investirà 500 milioni di euro per la raffineria di Gela

L’investimento dovrebbe avvenire tra il 2007 e il 2010, e servirà per potenziare la Raffineria e per progetti di ricerca sulle biomasse e sulla conversione della CO2 in gasolio “biodiesel”.

“A dare l’annuncio il direttore generale marketing delle raffinerie del gruppo, Mario Taraborrelli, alla presenza del ministro per l’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio, che ieri ha visitato la città del golfo.”

Leggi l’articolo su “Giornale Nisseno” (29/03/2007): L’Eni pronta ad investire 500 milioni di euro per la Raffineria di Gela

“L’Eni ha poi confermato gli impegni su bonifica, risanamento e sviluppo degli impianti di raffinazione di Gela.”

Leggi l’articolo su “La Gazzetta del Sud” (28/03/2007): Eni investira’ 500 mln euro in quattro anni a Gela

24.03.07

Scaroni, l’Eni investirà 350 milioni per la ricerca e lo sviluppo di fonti rinnovabili

L’investimento annunciato dall’amministratore delegato dell’Eni, riguarderà lo sviluppo di fonti rinnovabili a emissioni zero per i prossimi 4 anni.

“Sono due i settori che ci paiono particolarmente promettenti – ha spiegato Scaroni- e il primo è il solare fotovoltaico utilizzando materiali diversi dal silicio.”

Leggi l’articolo su “Tendenze Online” (19/03/2007): ENERGIA, ENI INVESTIRA’ 350 MLN PER RICERCA SU FONTI RINNOVABILI

“Non bruciare piu’ il gas associato alla produzione di petrolio, il cosiddetto gas flaring. in Nigeria abbiamo realizzato una centrale termoelettrica a ciclo combinato, che ha permesso di ridurre le emissioni di 1,5 milioni di tonnellate di anidride carbonica all’anno.”

Leggi l’articolo su “Ansa” (19/03/2007): ENERGIA: SCARONI (ENI), DA ALGHE IL VERO BIO-CARBURANTE

“Le attività di ricerca Eni – ha detto Scaroni- sono rivolte alle tecnologie basate sull’uso di microrganismi, in particolare le alghe, per produrre bio-carburanti… esistono tipi di alghe che si riproducono molto velocemente e possono vivere sia in acqua dolce che salata. Sono alghe che si nutrono di reflui per crescere. La nostra idea è di coltivarle in vasche specifiche per poi trasformarle in energia.”

Leggi l’articolo su “Ansa” (19/03/2007): ENERGIA, ENI INVESTIRA’ 350 MLN PER RICERCA SU FONTI RINNOVABILI

23.03.07

Eni convoca Consiglio di Amministrazione

Eni informa che il Consiglio di Amministrazione è stato convocato in San Donato Milanese il giorno 29 marzo 2007 per esaminare il progetto di bilancio di Eni SpA e il bilancio consolidato relativi all’esercizio 2006.

23.03.07

Paolo Scaroni: già operativi gli accordi con Gazprom

Kataweb News – 15 Marzo 2007

L’amministratore delegato di Eni, a margine di un’audizione a Montecitorio, ha confermato gli accordi con il colosso russo.

“Non abbiamo mai previsto di andare a Bari, né Miller né io, perché non c’era nulla da firmare. Tenete presente che l’accordo con Gazprom è già avvenuto ed è già in funzione, in particolare quello relativo all’importazione di gas che è già stato firmato in forma definitiva il 31 gennaio.”

Leggi l’articolo su “Kataweb News” (15/03/2007): Eni: Scaroni, già operativi accordi con Gazprom

22.03.07

Eni: soddisfazione per gli ostaggi liberati in Nigeria

Eni, attraverso le parole del suo amministratore delegato, Paolo Scaroni, ha espresso grande soddisfazione per la liberazione degli operai italiani in Nigeria.

“Ad attenderli hanno trovato i familiari, il viceministro agli affari esteri Franco Danieli e l’amministratore delegato dell’Eni Paolo Scaroni.”

Leggi l’articolo su “Corriere della Sera” (15/03/2007): Arrivati a Roma i 2 tecnici dell’Eni liberati

“La societa’ guidata da Paolo Scaroni, desidera ringraziare sentitamente le Autorita’ Nigeriane centrali e federali, la Presidenza del Consiglio Italiana, il Ministero degli Esteri e l’unita’ di crisi della Farnesina per il grande e proficuo lavoro svolto in questi mesi per addivenire alla positiva soluzione per tutti e quattro i lavoratori rapiti il 7 dicembre a Port Harcourt.”

Leggi l’articolo su “Borsa Italiana” (15/03/2007): Eni: soddisfazione per liberazione ostaggi Nigeria

21.03.07

Paolo Scaroni, guarderemo con attenzione alle opportunità su gas in Libia

Il gruppo petrolifero italiano, Eni, ha confermato la partecipazione alle nuove gare esplorative di giacimenti di gas in Libia.

“L’annuncio è dell’altro ieri e non credo che le gare siano ancora pronte. Parteciperemo sicuramente perché la Libia è un Paese importante e guarderemo con attenzione alle nuove gare per la ricerca di gas in quel Paese.”

Leggi l’articolo su “Reuters Italia” (15/03/2007): Eni, Scaroni: guarderemo a gare su ricerca giacimenti gas libico

“Non abbiamo pronto un bid, ma credo che parteciperemo sicuramente.”

Leggi l’articolo su “Borsa Italiana” (15/03/2007): Eni: Scaroni, interessati a opportunita’ su gas Libia

“Credo che parteciperemo sicuramente” se la Libia bandira’ gare per l’esplorazione e la ricerca di gas.”

Leggi l’articolo su “Repubblica” (15/03/2007): GAS: SCARONI, SE LIBIA FARA’ GARE PARTECIPEREMO

20.03.07

Eni, Scaroni: 24 modi per risparmiare 1.600 euro

È il progetto di informazione per il risparmio energetico delle famiglie, attuato dal gruppo petrolifero italiano, che presto verrà lanciato su scala nazionale.

“Verranno suggeriti 24 comportamenti virtuosi realizzabili a costo nullo o comunque sostenibile che permetteranno a una famiglia-tipo di quattro persone di risparmiare fino a 1.600 euro l’anno. Gli stessi comportamenti consentirebbero un abbattimento delle emissioni di circa 27 MtCO2, pari al 25% del deficit italiano rispetto all’obiettivo di Kyoto.”

Leggi l’articolo su “Rai Utile” (19/03/2007): Progetto Eni per risparmiare 1.600 euro

“La campagna di comunicazione sarà diffusa dalla prossima settimana.”

Leggi l’articolo su “Kataweb News” (19/03/2007): Energia: Scaroni, 24 modi Per risparmiare 1.600 euro l’anno

“Modificando i nostri comportamenti senza stravolgere il nostro stile di vita – ha spiegato Scaroni – possiamo, con un uso intelligente dell’energia, migliorare l’ambiente realizzando anche risparmi non indifferenti sulla nostra bolletta energetica.”

Leggi l’articolo su “Affari Italiani” (19/03/2007): Energia. Scaroni dell’Eni presenta i 24 modi per risparmiare 1.600 euro all’anno

20.03.07

Biocarburanti: Eni valuta alleanze internazionali

Paolo Scaroni ha confermato, presentando il programma “Along with Petroleum”, l’intenzione di Eni, di stringere nuove alleanze internazionali per lo sviluppo di biocarburanti.

“Sul solare Eni e’ impegnata a sviluppare soluzioni innovative che consentano di superare i limiti attuali” di questa fonte produttiva, dal momento che, ha spiegato Scaroni, “le attuali tecnologie fotovoltaiche basate sul silicio non sembrano in grado di consentire produzioni significative di energia elettrica.”

Leggi l’articolo su “Borsa Italiana” (15/03/2007): Biocarburanti: Scaroni, Eni valuta alleanze internazionali

“Abbiamo parlato di biocarburanti soprattutto in quei paesi – ha spiegato Scaroni al termine dell’audizione – che hanno le caratteristiche fisiche per queste produzioni, hanno grandi estensioni da coltivare e presentano una situazione simile a quella del Brasile, che e’ uno dei piu’ grandi produttori al mondo di biocarburanti. La nostra ricerca si concentra in quei paesi in cui siamo gia’ presenti, come Angola e Congo.”

Leggi l’articolo su “Ansa” (15/03/2007): BIOCARBURANTI E SOLARE: PIANO ENI DA 350 MLN IN 4 ANNI

19.03.07

Scaroni interviene sulla separazione delle reti del gas

La Repubblica – 09 Marzo 2007

L’amministratore delegato di Eni ha sottolineato l’importanza di una rete europea per il gas.

“Mi sembra che sia una buona proposta, in grado di far fronte ai temi sul tappeto. Temi che per il consumatore significano poter avere il gas che gli serve al prezzo piu’ basso possibile e con la sicurezza dell’approvvigionamento. Mi sembra che una societa’ delle reti europee del gas – ha concluso l’amministratore delegato dell’Eni – possa contribuire a soddisfare queste condizioni.”

Leggi l’articolo su “La Repubblica” (09/03/2007): SCARONI: SU SEPARAZIONE RETI GAS TENER CONTO DECISIONI UE