Eni e Kazakistan verso un clima favorevole

L’ad di Eni si dichiara fiducioso riguardo gli esiti della trattativa .

“Vedo la voglia di arrivare a una soluzione anche se la trattativa è articolata e di non facilissima soluzione”. In questa frase dell’ad di Eni Paolo Scaroni è sintetizzato il senso di questa giornata di consultazioni ai massimi livelli tra l’Italia e il Kazakistan. Il negoziato, ha aggiunto Scaroni, “è appena iniziato. Abbiamo ricevuto le richieste del Governo kazako venerdì e dobbiamo esaminarle all’interno del consorzio”

Leggi l’articolo su “Finanzablog” (08/10/2007): Energia: Scaroni, direttiva Ue passo importante nella giusta direzione

“Non mi attendo – ha detto – un negoziato particolarmente rapido, sono trattative complesse e articolate, ma c’è il desiderio di raggiungere una soluzione e la visita di Prodi è stata l’occasione per creare un clima favorevole”. “La fine dell’anno – ha concluso Scaroni – mi sembra una data ragionevole” per chiudere l’accordo col governo kasako per lo sfruttamento del giacimento di Kashagan.”

Leggi l’articolo su “Affari Italiani” (08/10/2007): Eni/ Prodi in Kazakistan: impostazione positiva su Kashagan, ma sui tempi decide Astana