Eni: scoperto nuovo pozzo nel Golfo del Messico

Eni ha scoperto la presenza di oltre 150 metri di idrocarburi nelle acque profonde statunitensi del Golfo del Messico.

 

“Eni ha effettuato una nuova scoperta nelle acque profonde statunitensi del Golfo del Messico. Il pozzo esplorativo Kodiak-1, si legge in una nota, è situato nel permesso Mississippi Canyon 771, a circa 95 km dalle coste della Louisiana, in acque profonde circa 1.500 metri. Il pozzo, che è stato perforato a una profondità di 9.500 metri, ha evidenziato oltre 150 metri di idrocarburi distribuiti su diversi livelli sabbiosi. I dati acquisiti saranno ora studiati per determinare le dimensioni della scoperta. Eni detiene in Kodiak una quota del 25%. Gli altri partner sono BP (63,75%, operatore) e Marubeni (11,25%). Questa importante scoperta segna un nuovo, significativo passo per la crescita di Eni nella regione. Kodiak è situato in una delle aree core di Eni nel Golfo del Messico, a 8 km dalla piattaforma di produzione Devil’s Tower, operata da Eni. Il blocco Mississippi Canyon 771 fa parte del portafoglio esplorativo che Eni ha recentemente acquisito dall’americana Dominion. Eni detiene negli Stati Uniti partecipazioni in 408 blocchi nel Golfo del Messico, di cui il 70% nelle acque profonde, ed è tra i principali produttori nell’area con una produzione giornaliera di oltre 110.000 barili di olio equivalente, di cui il 60% è opeoperato. Eni possiede inoltre partecipazioni in 158 licenze nell’area del North Slope in Alaska.”

 

Leggi l’articolo su “Repubblica” (04/04/2008): Eni: nuova scoperta nelle acque profonde del Golfo del Messico

Tags: , , ,