“Un Nuovo Segno”, in mostra i progetti per la nuova sede Eni a San Donato Milanese

Inaugura domani presso la Triennale di Milano la mostra Eni “Un Nuovo Segno” (dal 2 marzo al 1 aprile, ingresso libero),  che presenta i 10 progetti finalisti del concorso internazionale per il concept design del nuovo centro direzionale Eni a San Donato Milanese, vinto dal team guidato da Morphosis Architects. Nella zona di Metanopoli – la “città del metano” voluta a partire dagli anni Cinquanta da Enrico Mattei per i lavoratori dell’Eni e concepita con criteri urbanistici d’avanguardia – nel 2010 si è deciso di dar vita a un nuovo intervento architettonico attraverso una rinnovata attenzione a una completa integrazione fra paesaggio, architettura e territorio urbano secondo i più avanzati criteri di sostenibilità. L’architettura metamorfica e fluida di Morphosis Architects riprende l’idea di landscape design di Metanopoli, rielaborandola e attualizzandola, tanto da coinvolgerne ogni singolo elemento e definendo una vera e propria architettura-paesaggio.

La mostra si snoda attraverso un percorso suddiviso in due spazi: Know e Raw.

Il percorso Know inquadra le tematiche storiche ed il contesto urbanistico in cui si inserisce il nuovo edificio. San Donato è stato uno spazio fertile per vari interventi di architettura dagli anni Cinquanta in poi, tutti ispirati dalla visione di Eni e dal consueto rispetto aziendale al territorio limitrofo. Il percorso Raw, invece, immette direttamente nello spazio dove sono esposti tutti i 10 progetti, una visione di architettura “pura”, senza filtri didattici, culturali, di contesto. I modelli sono adagiati su ampie superfici bianche che sembrano galleggiare su un alone di luce. Alle pareti sono collocate due tavole per ogni progetto; l’esposizione dei progetti con i plastici e le tavole è integrata da diversi contenuti digitali.

Nel corso della mostra, il prossimo 13 marzo, è prevista una lecture di Thom Mayne, fondatore di Morphosis Architect, alla guida del team vincitore del concorso.