31.03.15

Eni firma i contratti per l’esplorazione di due blocchi nell’offshore del Myanmar

Eni ha firmato a NayPyiTaw, in presenza del Ministro dell’Energia del Paese, i Production Sharing Contract (PSC) per l’esplorazione di due blocchi offshore, rispettivamente MD-02 e MD-04. I blocchi esplorativi sono stati assegnati a Eni a seguito della partecipazione al Bid Internazionale competitivo indetto dalla Repubblica dell’Unione del Myanmar. La Joint Venture è composta da Eni, operatore con l’80% attraverso Eni Myanmar B.V., e Petrovietnam Exploration Production Corporation Limited (20%).

Il blocco MD-02 è situato nel settore meridionale della Baia del Bengala, nel bacino del Rakhine, a circa 135 chilometri dalla costa, a ovest del campo a gas di Yadana, la principale scoperta nell’offshore del Paese. Il blocco si estende per 10.330 chilometri quadrati a profondità d’acqua variabili tra i 500 e 2.400 metri.

Il blocco MD-04 è situato nel Bacino del Moattama Sud Andamane, a circa 230 chilometri dalla costa, ad ovest del campo a gas di Yetagun. Il blocco si estende per 5.900 chilometri quadrati a profondità d’acqua variabili tra 1.500 e 2.200 metri.

Leggi il testo completo (su eni.com)

31.03.15

L’impegno di Eni per la gestione sostenibile delle attività Oil & Gas offshore

La volontà di Eni nell’attivare procedure sostenibili per l’esecuzione di compiti di monitoraggio ambientale ed ispezione degli impianti Oil & Gas offshore si traduce nell’utilizzo di avanzate tecnologie sottomarine come quelle di Clean Sea, robotica innovativa sviluppata dalla società Tecnomare.

Grazie all’utilizzo di un veicolo sottomarino AUV (Autonomous Underwater Vehicle), che non prevede la presenza di un pilota, Clean Sea ha la capacità di muoversi autonomamente nel mare, senza alcun collegamento fisico con la superficie, in grande silenziosità e necessitando di un minimo supporto logistico per il suo funzionamento. I nuovi veicoli AUV sostituiscono le tecnologie tradizionali ROV (Remotely Operated Vehicles) caratterizzate da un sistema di movimento basato sulla esistenza di un collegamento fisico tra il sottomarino ed una nave in superficie che gestisce il lancio, il recupero e tutte le operazioni realizzate nel fondo del mare.

Leggi la notizia su eni.com

30.03.15

Eni avvia la produzione del giacimento a gas Hadrian South

Eni ha avviato la produzione del campo a gas Hadrian South, situato negli Stati Uniti nelle acque profonde del Golfo del Messico, circa 390 chilometri a sud della costa della Louisiana.

Hadrian South, che si trova a circa 2.300 metri di profondità d’acqua, è stato sviluppato attraverso due pozzi sottomarini collegati alla vicina piattaforma di produzione del campo Lucius, operata da Anadarko, distante circa 6 chilometri. La produzione giornaliera sarà di 10 milioni di metri cubi di gas e 2.250 barili di idrocarburi liquidi, per un totale di circa 52.000 barili di olio equivalente (boe).

La piattaforma di Lucius ha una capacità giornaliera di produzione di 80.000 barili di olio e di 13 milioni di metri cubi di gas, di cui 10 milioni riservati alla produzione di Hadrian South. Quando entrambi i pozzi di Hadrian South produrranno a regime, la quota di produzione giornaliera di Eni sarà di circa 16.000 boe.

Leggi il testo completo (su eni.com)

25.03.15

Eni all’OMC 2015

Eni partecipa alla dodicesima edizione dell’OMC (Offshore Mediterranean Conference and Exhibition), appuntamento con cadenza bienneale che coinvolge i protagonisti dell’industria Oil & Gas ed i rappresentanti dei Paesi produttori.

L’evento è in programma a Ravenna dal 25 al 27 marzo 2015. Eni sarà presente all’OMC 2015 con un’area espositiva di 100 mq e la partecipazione di 10 esperti aziendali sulle tematiche di sostenibilità ed esplorazione con il compito di condividere notizie, informazioni ed opportunità con il pubblico durante i tre giorni della manifestazione. Per tutti gli ospiti dell’OMC in visita allo stand di Eni un QR code disponibile per ricevere tutti gli approfondimenti direttamente su smartphone e tablet.

Scopri il dossier OMC 2015 su eni.com

24.03.15

Arriva a Torino “Enjoy”, il car sharing targato eni

Enjoy, il car sharing di Eni realizzato in partnership con Fiat e Trenitalia, arriva a Torino, dove sarà attivo con una flotta che a pieno regime conterà 400 Fiat 500. Il capoluogo piemontese sarà la quarta città, dopo Milano, Roma e Firenze a rivoluzionare la propria mobilità e quella dei suoi cittadini.

Per i torinesi che si iscriveranno dal sito già da ora e fino al 30 aprile 2015 Enjoy e Fiat dedicano l’esclusiva promozione “Welcome Torino!”: 15€ di noleggi gratuiti per provare il servizio nella propria città da quando sarà disponibile.

Modalità e caratteristiche del car sharing Enjoy a Torino saranno le medesime già in vigore nelle altre città italiane: iscrizione gratuita e completamente on line e una “customer experience‘ semplice ed immediata. Il cliente potrà visualizzare l’auto più vicina e prenotarla con l’app per smartphone (Android, iOS e Windows Phone) o tramite il sito internet enjoy.eni.com oppure sceglierne una libera lungo la strada, ingaggiarla e iniziare subito il noleggio.

Leggi il testo completo (su eni.com)

24.03.15

Eni all’Offshore Mediterranean Conference and Exhibition

Eni conferma la sua presenza alla manifestazione Offshore Mediterranean Conference and Exhibition (OMC) che si terrà nella città di Ravenna dal 25 al 27 Marzo. L’evento, in programma ogni due anni, rappresenta un momento fondante d’incontro per tutti i protagonisti del mercato Oil&Gas e vede la partecipazione dei rappresentanti dei principali paesi produttori.

L’Offshore Mediterranean Conference and Exhibition inizierà il 25 marzo alle ore 10.30 con un intervento in plenaria sul tema “Focus on Change: Planing the next 20 years” con la partecipazione in tavola rotonda dell’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi.

Leggi la notizia su eni.com

24.03.15

Eni partner della Biennale Democrazia

Eni è partner di “Passaggi”, una rassegna di cinque giorni di appuntamenti aperti al pubblico e ad ingresso gratuito che si terrà a Torino dal 25 al 29 Marzo.

Cinque giorni in cui, attraverso lezioni, dibattiti, tavole rotonde e seminari verrà promossa, in collaborazione con giovani e cittadini, una profonda riflessione sulle grandi trasformazioni che stanno interessando l’epoca moderna in tutti i campi di interesse politico e sociale e all’interno dei settori principali di sviluppo ed innovazione.

Leggi la notizia su eni.com

16.03.15

Eni: nuovi successi nell’esplorazione in Indonesia e in Libia

Eni ha completato gli studi successivi all’attività di perforazione esplorativa sulla scoperta a gas di Merakes 1, situata nell’offshore profondo dell’Indonesia nel blocco East Sepinngan, rilevando un considerevole incremento del potenziale delle risorse di gas in posto. Eni è operatore del blocco con la partecipazione dell’85%.

Gli studi portano il potenziale del campo di Merakes a oltre 56 miliardi di metri cubi di gas in posto (i volumi precedentemente stimati erano di circa 36 miliardi di metri cubi). Il pozzo Merakes 1 era stato perforato nell’ ottobre dello scorso anno in 1.372 metri di profondità d’acqua attraversando una colonna di idrocarburi di 60 metri in sabbie di ottima qualità.

Eni anticiperà la campagna di appraisal per valutare la possibilità di sviluppo accelerato della scoperta ottimizzando le sinergie con il vicino campo offshore di Jangkrik, anch’esso operato da Eni.

Leggi il testo completo (su eni.com)

14.03.15

Strategie Eni per l’Egitto

Un nuovo accordo quadro del valore stimato di circa 5 miliardi di dollari firmato dal Ministro del Petrolio e delle Risorse Minerarie egiziano, Sherif Ismail, e l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, durante l’Egyptian Economic Development Conference a Sharm el-Sheik. L’accordo conferma la centralità dell’Egitto all’interno delle strategie di crescita Eni all’interno di un’allenza tra Governo e azienda che dura più di sessant’anni e che è datata 1954.

Gli investimenti previsti per il prossimo quadriennale verranno utilizzati per lo sviluppo di nuove risorse petrolifere sul territorio in grado di finalizzare la crescita di 200 milioni di barili di olio e circa 37 miliardi di metri cubi di gas.

Scopri il dossier Investimenti in Egitto su eni.com

14.03.15

Eni firma un accordo quadro per lo sviluppo delle risorse petrolifere dell’Egitto

Il Ministro del Petrolio e delle Risorse Minerarie egiziano, Sherif Ismail, e l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, hanno firmato oggi un accordo quadro per sviluppare le risorse petrolifere del Paese e, allo stesso tempo, salvaguardare il ritorno degli investimenti di Eni.

L’accordo, firmato a Sharm el-Sheik in occasione dell’Egyptian Economic Development Conference, un meeting che ha l’obiettivo di promuovere gli investimenti internazionali nel Paese, prevede investimenti totali per un valore stimato di circa 5 miliardi di dollari.

Leggi il testo completo (su eni.com)

13.03.15

Un nuovo piano strategico per Eni

Trasformare Eni per produrre nuovo valore, è questo il piano strategico 2015-2018 che interesserà l’azienda nei prossimi anni secondo i progetti e la visione dell’Amministratore Delegato Claudio Descalzi. Importanti obiettivi sono stati raggiunti già nel 2014, come la crescita di cassa ed i risultati positivi registrati nel settore Gas & Power, ma nel prossimo piano quadriennale l’investimento maggiore è per il comparto Exploration & Production.

La produzione tenderà a crescere in modo sostanziale operando sui campi petroliferi vicini a giacimenti già esistenti aumentando il potenziale di Eni: Mozambico, ma anche i bacini dell’Angola, del Congo, dell’Indonesia, di Ghana, Gabon e Ecuador.

Scopri il dossier Piano Strategico 2015-2018 su eni.com

12.03.15

Eni: Bilancio Consolidato e Progetto di Bilancio di Esercizio 2014

In data odierna il Consiglio di Amministrazione ha approvato il bilancio consolidato e il progetto di bilancio di esercizio di Eni per il 2014 che chiudono rispettivamente con l’utile netto di €1.291 milioni e di €4.455 milioni. Tali risultati e i relativi trend industriali sono stati già illustrati nel comunicato stampa del preconsuntivo 2014 diffuso il 18 febbraio 20151.

Il Consiglio ha deliberato di proporre all’Assemblea la distribuzione del dividendo di €1,12 per azione, di cui €0,56 distribuiti nel settembre 2014. Il dividendo a saldo di €0,56 per azione2 sarà messo in pagamento a partire dal 20 maggio 2015 con stacco cedola il 18 maggio 2015 e record date 19 maggio 2015.

Leggi il testo completo (su eni.com)

08.03.15

Eni è partner della Cooperativa Emilia Romagna Concerti

Eni è partner della Cooperativa Emilia Romagna Concerti, un’organizzazione musicale che ha previsto, nell’arco dell’anno 2015, la programmazione di ben 30 concerti all’interno di scuole ed istituti del Comune di Ravenna per avvicinare i giovani alla cultura della musica.

Già confermati gli eventi musicali dei concerti per la giornata dell’8 Marzo (Festa della Donna), il concerto di Pasqua, di Natale e del Santo Patrono di Ravenna.

Leggi la notizia su eni.com

05.03.15

Eni con Versalis lancia il Progetto Galileo

Al via il Progetto Galileo per promuovere il risparmio energetico mediante l’utilizzo di prodotti innovativi per l’isolamento termico degli edifici, grazie all’impegno di Versalis, società chimica dell’azienda Eni.

Il lancio del Progetto Galileo dopo l’incontro di Versalis con i professionisti del settore edilizia e costruzioni e le associazioni dei consumatori al fine di convergere verso la realizzazione di una filiera integrata a tutela e sostegno del risparmio energetico. La riqualificazione energetica partirà dall’utilizzo condiviso di un’innovativa tipologia di prodotti e di metodiche applicative per l’isolamento termico degli edifici.

Leggi la notizia su eni.com