30.10.15

Eni: nuova produzione dai campi scoperti con l’esplorazione “near field” nel Delta del Nilo e nel deserto occidentale egiziano

Eni annuncia di aver perforato con successo il pozzo “Nidoco North West 3”, appraisal del pozzo di scoperta “Nidoco NW 2 Dir NFW”, nel prospetto esplorativo di Nooros, situato nella concessione Abu Madi West, nel Delta del Nilo. Il campo di Nooros, che si stima possa contenere circa 15 miliardi di metri cubi di gas (Gsm3) in posto, e’ stato scoperto lo scorso luglio e, messo in produzione in soli 2 mesi; produce oggi oltre 15000 barili giorno di olio equivalente al giorno. Il nuovo pozzo verra’ messo in produzione entro la fine del prossimo novembre. Entro la fine del 2015 Nooros arriverà a produrre 30.000 barili di olio equivalente al giorno (boepd), e dovrebbe raggiungere un plateau produttivo di circa 70.000 boepd entro metà 2016. Il gas ed il condensato vengono inviati all’impianto di trattamento di Abu Madi, a circa 25 chilometri dalla scoperta, e poi immessi nella rete egiziana.

“Nidoco NW 3”, analogamente al pozzo di scoperta, è stato perforato da una postazione onshore per raggiungere, in deviazione, l’estensione a mare del giacimento di Noroos. Il pozzo ha incontrato oltre 65 m di spessore netto di arenarie di età messiniana con ottime proprietà petrofisiche mineralizzate a gas e condensato.

Leggi il testo completo (su eni.com)

30.10.15

Il Primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu e il ministro delle Infrastrutture, dell’Energia e delle Acque, Yuval Steinitz incontrano l’AD di Eni, Claudio Descalzi

Il Primo ministro d’Israele, Benjamin Netanyahu, e il ministro delle Infrastrutture, dell’Energia e delle Acque, Yuval Steinitz, hanno incontrato oggi a Gerusalemme l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi.

Durante l’incontro, l’AD di Eni ha illustrato le importanti sinergie di un potenziale sviluppo congiunto del gas naturale nel Mediterraneo orientale. Mettendo a fattore comune le risorse future e le infrastrutture di trasporto e di export di Israele, Cipro ed Egitto, l’area potrebbe diventare un hub regionale del gas e fornire anche un importante contributo alla sicurezza energetica europea.

Leggi il testo completo (su eni.com)

29.10.15

Eni: risultati del terzo trimestre e dei nove mesi 2015

Il Consiglio di Amministrazione di Eni ha approvato ieri i risultati consolidati del terzo trimestre e dei nove mesi 20151 (non sottoposti a revisione contabile)

Leggi il testo completo (su eni.com)

28.10.15

Eni cede il 12,5% delle azioni Saipem al Fondo Strategico Italiano, si impegna a supportare il rafforzamento patrimoniale e l’indipendenza finanziaria di Saipem e concorda il rimborso dei finanziamenti intercompany

Eni S.p.A. (“Eni”) ha sottoscritto oggi, 27 ottobre 2015, un contratto di compravendita (il “Contratto di Compravendita”) in base al quale si è impegnata a cedere a Fondo Strategico Italiano S.p.A. (“FSI”) una partecipazione nel capitale di Saipem S.p.A. (“Saipem” o la “Società”) composta da n. 55.176.364 azioni ordinarie, pari a circa il 12,5% più una azione del capitale della Società (la “Quota Partecipativa Ceduta”). Contestualmente, Eni e FSI hanno sottoscritto un patto parasociale (il “Patto Parasociale”) che entrerà in vigore alla data di effettivo trasferimento della Quota Partecipativa Ceduta e che è volto a disciplinare i reciproci rapporti delle parti quali azionisti di Saipem (complessivamente, l’”Operazione”).

Eni inoltre, preso atto della proposta di aumento di capitale in opzione deliberata in data odierna dal Consiglio di Amministrazione di Saipem (l’”Aumento di Capitale”) e confermando pieno supporto al piano industriale della Società, ha assunto nei confronti di Saipem un impegno irrevocabile alla sottoscrizione pro-quota delle azioni di nuova emissione, come meglio precisato di seguito.

Leggi il testo completo (su eni.com)

26.10.15

Il Teatro Fa Bene all’Expo di Milano

Il Teatro Fa Bene, progetto di teatro che mira a condividere l’informazione sanitaria nel territorio del Mozambico, arriva all’Esposizione Universale di Milano dell’Expo 2015.

L’iniziativa, ideata e sostenuta dall’organizzazione Eni Foundation, può avvalersi del coordinamento dell’autore teatrale Jacopo Fo e dell’esperto di salute pubblica Bruno Patierno ed ha l’obiettivo di favorire una maggiore conoscenza riguardo alle pratiche igienico-sanitarie e alimentari, nonchè alle tecniche di cura dei neonati e alla maternità. Lo spettacolo teatrale realizzato in collaborazione con attori provenienti dal Mozambico èà portato in tournée nei villaggi dell’area di Palma (Cabo Delgado) e servirà a raggiungere un pubblico di circa 25.000 persone.

Leggi la notizia su eni.com

23.10.15

Al via il programma di eventi pro Africa promossi da Eni per Expo

“Energy, Arte and Sustainability for Africa” è il bando di gara promosso dalla manifestazione Expo 2015 in collaborazione con l’azienda Eni (Official Partner for Sustainability Initiatives in African Countries) per dare maggior visibilità ai paesi africani e favorire una serie di eventi scientifico-culturali in grado di raccontare le realtà del continente.

Una settimana di eventi, che terminerà il prossimo 29 ottobre, per valorizzare i territori dell’Africa, vincitori del bando, attraverso iniziative di tavole rotonde, talk show, spettacoli, degustazioni, mostre fotografiche e tanto altro. Tutti i progetti presentati per il bando sono stati selezionati da una commissione composta da 5 commissari, tra i quali due rappresentanti Eni per valorizzare il tema della sostenibilità ambientale.

Leggi la notizia su eni.com

21.10.15

In Expo eccellenze della sostenibilità Eni in Congo: dal progetto integrato Hinda alle stufe migliorate

Eni, Official Partner for Sustainability Initiatives in African Countries di Expo Milano 2015, organizza oggi in Casa Corriere all’Esposizione Universale, un incontro che ha come protagonista la Repubblica del Congo, un paese chiave dell’Africa, in cui la società integra gli obiettivi di sostenibilità con quelli operativi e di natura economico-finanziaria.

L’evento, moderato da Mara Gergolet, giornalista del Corriere della Sera, avrà come focus due progetti di sostenibilità Eni che ben rappresentano il forte impegno della società per lo sviluppo del Paese: il progetto integrato Hinda, teso a migliorare le condizioni di vita delle comunità nell’area intorno al campo onshore di M’Boundi, e il progetto stufe migliorate, utilizzate per cucinare con tecnologie moderne in modo da fornire un accesso minimo all’elettricità alle unità abitative in contesti rurali e creare opportunità per lo sviluppo della microimprenditoria locale.

Leggi il testo completo (su eni.com)

20.10.15

Scienze in atto

Scienze in Atto è un progetto di divulgazione scientifica, in programma dal mese di ottobre 2015 fino a maggio 2016, ideato da Eniscuola e realizzato in collaborazione con il Teatro Coccia di Novara e il Centro Ricerche Donegani.

Scienze in Atto si rivolge a tutti gli studenti delle scuole secondarie della provincia di Novara e ha l’obiettivo di avvicinare i ragazzi ai temi della scienza attraverso la rappresentazione di forme artistiche (la creazione di uno spettacolo teatrale, un cortometraggio o un racconto musicale) in grado di tradurre le informazioni scientifiche condivise.

Leggi la notizia su eni.com

20.10.15

Il Presidente dell’Egitto Abdel Fattah Al-Sisi incontra l’AD di Eni Claudio Descalzi

Il Presidente della Repubblica dell’Egitto, Abdel Fattah Al-Sisi, e l’Amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, si sono incontrati ieri al Cairo per discutere delle attività di Eni nel Paese.

Durante l’incontro l’AD di Eni ha presentato al Presidente Al-Sisi il piano di sviluppo programmato per il campo di Zohr. È stato confermato l’impegno congiunto per accelerare la messa in produzione.

Leggi il testo completo (su eni.com)

19.10.15

Dieci amministratori delegati del settore oil&gas dichiarano congiuntamente di voler agire per contrastare i cambiamenti climatici

Gli amministratori delegati di 10 società, tra le maggiori al mondo del settore Oil & Gas – che insieme forniscono quasi un quinto della produzione complessiva di petrolio e gas e forniscono quasi il 10% dell’energia mondiale – hanno dichiarato oggi il loro sostegno comune per il raggiungimento, il mese prossimo, di un accordo efficace sul clima durante la 21° sessione della Conferenza delle Parti della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (COP21).

Nella loro dichiarazione gli AD delle 10 società che attualmente fanno parte dell’OGCI (Oil and Gas Climate Initiative) – BG Group, BP, Eni, Pemex, Reliance Industries, Repsol, Saudi Aramco, Shell, Statoil e Total – hanno confermato l’impegno comune per limitare l’aumento medio della temperatura globale a 2 gradi, evidenziando che il trend attuale delle emissioni nette globali di gas serra (GHG) non è in linea con questo obiettivo.

Leggi il testo completo (su eni.com)

16.10.15

Eni alla Maker Faire

Eni sarà presente all’evento internazionale Maker Faire in programma a Roma dal 16 al 18 ottobre. La manifestazione, tra le più importanti in tema di innovazione e tecnologia, sarà ospitata presso l’Università La Sapienza.

L’azienda Eni, gold sponsor del Maker Faire, attende i visitatori della manifestazione per il proprio stand Innovation for Energy per condividere gli ultimi risultati ottenuti dall’innovazione tecnologica firmata dal cane a sei zampe, con un focus dedicato al tema della sicurezza dei lavoratori. Lo stand, della grandezza di circa 80 metri quadri offirà una duplice possibilità di contatto agli ospiti dell’evento: un’area interact dedicata all’interazione permanente, con esperti e professionisti di Eni a completa disposizione del pubblico e un’area talk&debate, dedicata all’interazione temporanea.

Scopri il dossier su eni.com

15.10.15

Eni e l’offshore egiziano

L’azienda Eni si aggiudica due nuove licenze esplorative nell’offshore dell’Egitto andando a consolidare la sua posizione di preminenza strategica nel Paese. I due nuovi blocchi sono situati nelle acque del Mediterraneo non distanti dal Delta del Nilo e sono situati rispettivamente nell’area di El Temsah e di Baltim.

Questa nuova acquisizione si va ad aggiungere alle più recenti scoperte nel Paese, come quella del blocco di Zohr che, con un potenziale di 850 miliardi di metri cubi di gas e un’estensione di circa 100 chilometri quadrati, rappresenta la più grande scoperta di gas mai effettuata nei territori dell’Egitto e nelle acque del Mar Mediterraneo. Nell’occasione della scoperta lo stesso Ad di Eni Claudio Descalzi durante un’Audizione al Senato aveva parlato di un’importante risultato raggiunto a conferma delle competenze e delle capacità di innovazione tecnologica dell’azienda, nonchè dello spirito di forte collaborazione con il Paese egiziano.

Scopri il dossier Offshore Egitto su eni.com

13.10.15

Il Green River Project di Eni in Nigeria

Il Green River Project (GRP) è un progetto sostenibile che, ad oggi, coinvolge più di 35.000 agricoltori, è presente in più di 120 territori africani avendo un impatto diretto ed indiretto su oltre 500.000 persone. Il progetto di Eni avviato nel 1987 ha come obiettivo principale il sostegno agricolo per le comunità presenti nell’area della Nigeria, un Paese chiave per lo sviluppo dell’Africa.

L’evento del 12 ottobre presso l’Esposizione Universale di Milano è l’occasione per puntare i riflettori sulle attività del Green River Project e per raccogliere le testimonianze di chi è direttamente coinvolto dall’iniziativa di sostegno di Eni nel delta del Niger.

Leggi la notizia su eni.com

13.10.15

Eni si aggiudica due nuovi blocchi esplorativi nell’offshore egiziano del Mediterraneo

Eni si è aggiudicata due nuove licenze esplorative nell’offshore dell’Egitto nell’ambito del Bid Round Internazionale competitivo EGAS 2015.

Eni diventa operatore del blocco North El Hammad con la quota del 37,5% (in compartecipazione con BP, 37,5%, e Total, 25%) e acquisisce la partecipazione del 50% nel blocco North Ras El Esh (in compartecipazione paritetica con BP 50%, che avrà il ruolo di operatore).

Leggi il testo completo (su eni.com)

12.10.15

Eni: il CdA di Agi nomina Alessandro Pica Amministratore Delegato e conferma Massimo Mondazzi Presidente

Il Consiglio d’amministrazione di Agi – Agenzia Giornalistica Italia, composto da Cristiana Argentino, Marco Bardazzi, Raffaella Leone, Massimo Mondazzi e Alessandro Pica, ha nominato oggi Amministratore Delegato Alessandro Pica e ha confermato l’incarico di Presidente a Massimo Mondazzi.

Pica, già Direttore Generale di Agi dal marzo del 2011, sostituisce alla guida dell’agenzia Gianni Di Giovanni, che assume la responsabilità dell’ufficio relazioni internazionali Eni a Washington.

Agi – Agenzia Giornalistica Italia è una delle principali news company italiane. Dal 1950 affianca con i suoi notiziari il mondo editoriale, istituzionale, economico ed industriale. Agi persegue una strategia di crescita costante in ambito internazionale, in aree strategiche per il sistema paese, con una rete attiva di corrispondenti e partnership in oltre 50 paesi e news in 6 lingue, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.