Eni cede il 12,5% delle azioni Saipem al Fondo Strategico Italiano, si impegna a supportare il rafforzamento patrimoniale e l’indipendenza finanziaria di Saipem e concorda il rimborso dei finanziamenti intercompany

Eni S.p.A. (“Eni”) ha sottoscritto oggi, 27 ottobre 2015, un contratto di compravendita (il “Contratto di Compravendita”) in base al quale si è impegnata a cedere a Fondo Strategico Italiano S.p.A. (“FSI”) una partecipazione nel capitale di Saipem S.p.A. (“Saipem” o la “Società”) composta da n. 55.176.364 azioni ordinarie, pari a circa il 12,5% più una azione del capitale della Società (la “Quota Partecipativa Ceduta”). Contestualmente, Eni e FSI hanno sottoscritto un patto parasociale (il “Patto Parasociale”) che entrerà in vigore alla data di effettivo trasferimento della Quota Partecipativa Ceduta e che è volto a disciplinare i reciproci rapporti delle parti quali azionisti di Saipem (complessivamente, l’”Operazione”).

Eni inoltre, preso atto della proposta di aumento di capitale in opzione deliberata in data odierna dal Consiglio di Amministrazione di Saipem (l’”Aumento di Capitale”) e confermando pieno supporto al piano industriale della Società, ha assunto nei confronti di Saipem un impegno irrevocabile alla sottoscrizione pro-quota delle azioni di nuova emissione, come meglio precisato di seguito.

Leggi il testo completo (su eni.com)

Tags: ,