Eni e l’offshore egiziano

L’azienda Eni si aggiudica due nuove licenze esplorative nell’offshore dell’Egitto andando a consolidare la sua posizione di preminenza strategica nel Paese. I due nuovi blocchi sono situati nelle acque del Mediterraneo non distanti dal Delta del Nilo e sono situati rispettivamente nell’area di El Temsah e di Baltim.

Questa nuova acquisizione si va ad aggiungere alle più recenti scoperte nel Paese, come quella del blocco di Zohr che, con un potenziale di 850 miliardi di metri cubi di gas e un’estensione di circa 100 chilometri quadrati, rappresenta la più grande scoperta di gas mai effettuata nei territori dell’Egitto e nelle acque del Mar Mediterraneo. Nell’occasione della scoperta lo stesso Ad di Eni Claudio Descalzi durante un’Audizione al Senato aveva parlato di un’importante risultato raggiunto a conferma delle competenze e delle capacità di innovazione tecnologica dell’azienda, nonchè dello spirito di forte collaborazione con il Paese egiziano.

Scopri il dossier Offshore Egitto su eni.com

Tags: , ,