31.03.16

Eni e ACRA alla Milano Relay Marathon 2016

Eni ha deciso di sostenere la Fondazione ACRA, un’organizzazione non governativa impegnata nel combattere la povertà nel mondo, attraverso soluzioni sostenibili e innovative. Grazie al contributo di Eni, ACRA potrà implementare il suo intervento nella scuola di Bagamojo a Maputo, in Mozambico, per garantire l’accesso e l’utilizzo dei servizi igienici ai 2.720 bambini che ogni giorno frequentano la scuola.

La Fondazione ACRA partecipa al Charity Program della Maratona di Milano 2016 che si svolge sotto il Patrocinio del Comune di Milano e della Regione Lombardia. La Milano Relay Marathon 2016, domenica 3 aprile 2016, prevede che 4 partecipanti riuniti in una squadra corrano i 42,195 km della Maratona di Milano in una staffetta non competitiva cronometrata a 4 tappe (tra gli 8 e i 12 chilometri l’una).

31.03.16

Nota stampa Eni

Eni, in riferimento all’azione dimostrativa di Greenpeace di oggi presso la piattaforma Agostino B, condotta peraltro in violazione delle norme di sicurezza stabilite dalla legge a tutela delle persone e degli impianti, ribadisce l’adozione dei più elevati standard e linee guida internazionali nella gestione delle attività in tutti i contesti in cui opera, primo fra tutti l’ambiente marino.

Relativamente alle 100 “piattaforme mancanti“, per le quali secondo Greenpeace non sarebbero stati forniti i piani di monitoraggio, Eni spiega che quelle di propria pertinenza, non emettono scarichi a mare, nè effettuano re-iniezione di acque di produzione in giacimento, pertanto non ci sono piani di monitoraggio prescritti e nessun dato da fornire.

Leggi la notizia su eni.com

31.03.16

Eni: progetto pilota di formazione per gli Istituti Superiori di Gela

Eni ha avviato in collaborazione con l’amministrazione comunale di Gela e con gli Istituti scolastici superiori locali un progetto pilota volto ad arricchire la formazione degli studenti, tramite un percorso programmatico che si inquadra nell’ambito dell’iniziativa Alternanza Scuola/Lavoro.

Eni aderisce al programma Alternanza Scuola/Lavoro, un progetto ministeriale per le scuole secondarie di secondo grado, che ha lo scopo di fornire ai giovani le competenze necessarie a inserirsi nel mercato del lavoro, alternando la formazione in aula ad esperienze “sul campo” da realizzarsi in azienda.

Leggi la notizia su eni.com

31.03.16

Eni entra nell’upstream del Marocco

Eni ha firmato oggi con Chariot Oil & Gas un accordo per l’acquisizione di una quota di partecipazione (Farm-Out Agreement, FOA) nei permessi esplorativi I-VI nella licenza “Rabat Deep Offshore‘, situata nel margine settentrionale dell’Atlantico nelle acque del Marocco. Il completamento di questo accordo è subordinato all’autorizzazione da parte delle autorità marocchine, dei partner attuali e di altre condizioni sospensive.

L’accordo prevede l’assegnazione a Eni del ruolo di operatore e una quota di partecipazione del 40% nella licenza nonché dei diritti di esplorazione su di un’area di 10.780 kmq e con una profondità d’acqua cha va da 150 a 3.500 metri. L’area, finora inesplorata, è considerata promettente per il rinvenimento di idrocarburi liquidi.

Leggi il testo completo (su eni.com)

31.03.16

Eni: nuova licenza esplorativa nell’offshore del Ghana

Eni ha ottenuto l’assegnazione di una nuova licenza esplorativa, denominata Cape Three Points Block 4, nel prolifico bacino del Tano, nell’offshore del Ghana. Questa acquisizione rafforza ulteriormente la posizione della società nell’offshore ghanese.

La licenza Cape Three Points Block 4 è stata assegnata, a seguito della ratifica da parte del Parlamento della Repubblica del Ghana, a una joint venture composta da Eni Ghana (con una quota del 42,4691%) col ruolo di operatore, Vitol Upstream Tano (con il 33,9753%), Ghana National Petroleum Corporation (GNPC, con il 10%), Woodfields Upstream Ghana (con il 9,5556%) e GNPC Exploration and Production Company (Explorco, con il 4%).

Leggi il testo completo (su eni.com)

25.03.16

Moody’s riduce rating Eni

L’agenzia di rating Moody’s Investors Service ha abbassato il rating a lungo termine di Eni portandolo a ‘Baa1’, con outlook Stabile, dal precedente ‘A3’ sotto revisione per un possibile downgrade. L’agenzia ha confermato a ‘P-2’ il giudizio a breve termine.

24.03.16

Standard & Poor’s riduce rating Eni

L’agenzia di rating Standard & Poor’s ha abbassato il rating a lungo termine di Eni portandolo a ”BBB+’, con outlook Stabile, dal precedente ”A-’ con CreditWatch con implicazioni negative. Standard & Poor’s ha confermato a ”A-2’ il giudizio a breve termine.

La decisione risulta essere stata presa principalmente a seguito dell’abbassamento dello scenario dei prezzi del petrolio assunto dall’agenzia per le sue valutazioni.

21.03.16

Piano Strategico Eni

Presentato il Piano Strategico Eni 2016-2019: come avere successo a prezzi bassi, alimentando la crescita di lungo termine. E’ Claudio Descalzi, Amministratore Delegato di Eni, a presentare alla comunità finanziaria il Piano Strategico 2016-2019 della società.

Il Piano Strategico di Eni per il triennio 2016-2019 prevede obiettivi di crescita redditizia, ristrutturazione, trasformazione e strategia finanziaria.

Scopri il dossier Piano Strategico su eni.com

21.03.16

Eni: le attività di produzione di gas naturale offshore sono svolte nel pieno rispetto dell’ecosistema marino

Eni, in merito alle informazioni diffuse in questi giorni sulla qualità delle acque intorno alle piattaforme, conferma l’adozione dei più elevati standard e linee guida internazionali nella gestione delle attività in tutti i contesti in cui opera, primo fra tutti l’ambiente marino.

In particolare, gli impianti offshore di Eni nel Mare Adriatico sono dedicati alla produzione di gas naturale, la più sostenibile tra le fonti fossili, ed operano da sempre nel pieno rispetto delle leggi e delle prescrizioni vigenti. Rigidi controlli ambientali vengono eseguiti da ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) e dalle Capitanerie di Porto, coadiuvante dalle ARPA locali.

Leggi il testo completo (su eni.com)

21.03.16

Eni: Piano Strategico 2016-2019

Claudio Descalzi, Amministratore Delegato di Eni, presenta oggi alla comunità finanziaria il Piano Strategico della società per il periodo 2016-2019.

Leggi il testo completo (su eni.com)

18.03.16

Eni: Bilancio Consolidato e Progetto di Bilancio di Esercizio 2015

In data odierna il Consiglio di Amministrazione ha approvato il bilancio consolidato e il progetto di bilancio di esercizio di Eni per il 2015 che confermano i risultati preliminari pubblicati nel comunicato stampa di preconsuntivo 2015 diffuso il 26 febbraio 2016 di seguito riepilogati.

Leggi il testo completo (su eni.com)

15.03.16

Il Safety Competence Center di Gela al centro della formazione Eni

Il Safety Competence Center di Gela (SCC), avviato lo scorso anno nell’ambito delle azioni previste dal Protocollo d’Intesa, è divenuto una solida realtà operativa di Eni in Italia. In questo anno, infatti, il SCC si è affermato come una eccezionale novità, un nuovo approccio nella gestione della sicurezza dei lavori in appalto, che ha consentito sia una maggiore autorevolezza ed incisività da parte dei tecnici della sicurezza sia un accrescimento di esperienze, competenze e conoscenze in materia di sicurezza per Eni.

Degli importanti risultati raggiunti e degli ulteriori sviluppi per il futuro si è parlato in un incontro presso i locali della Raffineria di Gela a cui hanno partecipato i dipendenti di SCC ed alcuni Direttori di importanti stabilimenti Eni in Italia, proprio per confrontarsi sui risultati sin qui conseguiti e per condividere nuove e sfidanti prospettive.

Leggi la notizia su eni.com

14.03.16

Eni avvia la produzione del giacimento norvegese di Goliat

Eni ha avviato la produzione del giacimento di Goliat, situato 85 km a nord ovest di Hammerfest, nella Licenza 229 (PL 229), in una zona priva di ghiacci del Mare di Barents, al largo della Norvegia.

Goliat, il primo giacimento a olio ad entrare in produzione nel Mare di Barents, è stato sviluppato attraverso la più grande e sofisticata unità galleggiante di produzione e stoccaggio cilindrica (FPSO) al mondo, che ha una capacità di 1 milione di barili di olio e che è stata costruita con le più avanzate tecnologie per affrontare le sfide tecnico-ambientali legate all’operatività in ambiente Artico.

Leggi il testo completo (su eni.com)

14.03.16

Eni: compravendita partecipazione in Saipem, venuta meno l’ultima condizione risolutiva relativa al rimborso integrale del debito del Gruppo Saipem nei confronti del Gruppo Eni

Facendo seguito a quanto già comunicato al mercato in relazione al contratto di compravendita tra Eni S.p.A. (“Eni”) e Fondo Strategico Italiano S.p.A. (“FSI”), avente a oggetto la cessione, da Eni in favore di FSI, di una partecipazione pari al 12,5% del capitale sociale di Saipem S.p.A. (“Saipem”) più un’azione (il “Contratto di Compravendita”), e a quanto comunicato da Saipem in data 26 febbraio 2016 in merito al rimborso dell’esposizione debitoria per cassa del Gruppo Saipem nei confronti del Gruppo Eni, Eni comunica che sono stati completati gli adempimenti residui relativi al rimborso integrale ai sensi dell’accordo ricognitivo sottoscritto tra Eni e Saipem il 27 ottobre 2015.

Pertanto ad esito di tali adempimenti sono venute meno le condizioni risolutive previste dal Contratto di Compravendita e l’operazione si è definitivamente conclusa.

11.03.16

Eni esegue con successo la prima prova di produzione di Zohr

Eni ha eseguito con successo la prima prova di produzione sul pozzo Zohr 2X, primo pozzo di delineazione della scoperta di Zohr, situata nel blocco di Shorouk, nell’offshore dell’Egitto.

Nella prova di produzione, limitata dalle infrastrutture di superficie, sono stati aperti alla produzione 120 metri del giacimento. Il pozzo ha erogato sino a 1,3 milioni di metri cubi di gas al giorno. Tutti i dati acquisiti e analizzati confermano la grande capacità produttiva del pozzo, che si stima possa arrivare a 7 milioni di metri cubi al giorno (che corrispondono a circa 46.000 barili di olio equivalente al giorno) nella configurazione di produzione.

Leggi il testo completo (su eni.com)