29.04.16

Eni: risultati del primo trimestre 2016

Il Consiglio di Amministrazione di Eni ha approvato ieri i risultati consolidati del primo trimestre 2016 (non sottoposti a revisione contabile).

Leggi il testo completo (su eni.com)

28.04.16

ECU e POGaMESchool: la firma del protocollo d’ intesa

ECU (Eni Corporate University) e POGaMESchool (Piacenza Oil & Gas Excellence School), un’associazione senza fini di lucro i cui soci fondatori sono Confindustria Piacenza e l’Associazione POGaM – Piacenza Oil & Gas Museum, danno vita ad un progetto di sviluppo territoriale e di valorizzazione del settore Oil & Gas, attraverso la realizzazione di iniziative finalizzate alla formazione di figure professionali, altamente qualificate nell’attività Upstream, da mettere a disposizione delle imprese impegnate in questo business.

Leggi la notizia su eni.com

27.04.16

Eni e l’Università degli studi di Pavia: un progetto di digitalizzazione del patrimonio iconografico

Eni è sponsor del progetto di Digitalizzazione patrimonio iconografico del Dipartimento di medicina interna e Terapia Medica dell’Università degli studi di Pavia.

Il Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Medica dell’Università degli studi di Pavia è stato istituito storicamente nel 1982 per aggregare gruppi di clinici e ricercatori che presentassero interessi scientifici e didattici comuni al fine di sviluppare progetti ad ampio respiro, partendo dalle scienze di base per arrivare alle specialità mediche.

Leggi la notizia su eni.com

27.04.16

Eni: massima cooperazione con la Magistratura per una rapida conclusione delle indagini. Impossibile proseguire le attività produttive al Centro Olio Val d’Agri

Nella mattina odierna alcuni dirigenti Eni sono stati auditi a Potenza dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti, come programmato nell’ambito della missione della Commissione in Basilicata.

Sulla base delle chiare evidenze scientifiche emerse dagli approfondimenti tecnici e scientifici condotti da un collegio di periti indipendenti, Eni ha ribadito che il Centro Olio Val d’Agri ha sempre operato nel rispetto dei requisiti normativi e autorizzativi con l’adozione delle best practice internazionali.

Leggi la notizia su eni.com

27.04.16

Assemblea Eni del 12 maggio 2016: proposta del Ministero dell’economia e delle finanze

Il Ministero dell’economia e delle finanze ha comunicato in data odierna che sottoporrà alla prossima Assemblea di Eni SpA del 12 maggio 2016 in relazione al punto 3 all’ordine del giorno (“Nomina di un Amministratore ai sensi dell’articolo 2386 del Codice Civile‘), la proposta di conferma di Alessandro Profumo alla carica di Amministratore di Eni, fino alla data dell’Assemblea che approverà il bilancio al 31 dicembre 2016, data di scadenza del Consiglio in carica. Le informazioni sul candidato sono disponibili sul sito internet della Società.

27.04.16

Incontro tra l’Amministratore Delegato Claudio Descalzi e l’AD di Pemex José Antonio González Anaya

L’ Amministratore Delegato della compagnia di stato messicana Pemex, José Antonio González Anaya, ha incontrato oggi a Citta’ del Messico l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi.

Nel corso dell’incontro, l’AD di Eni ha illustrato la strategia della società nel paese, incentrata sul consolidamento e sulla crescita della propria presenza in Messico, dove è stata la prima major internazionale ad acquisire un blocco (Area 1) a seguito di una gara internazionale che si è svolta lo scorso settembre.

Leggi il testo completo (su eni.com)

20.04.16

Nota Stampa Eni

In seguito alla conferma da parte del Tribunale di riesame di Potenza del sequestro di impianti funzionali all’operatività del Centro Olio Val d’Agri, disposto dalla Procura di Potenza, e all’interruzione delle attività, Eni ha incontrato oggi le Segreterie Territoriali Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil e le Segreterie Confederali Cgil, Cisl e Uil della Basilicata per rappresentare la situazione del personale del Centro Olio Val d’Agri, che impiega attualmente 354 dipendenti.

Eni ha illustrato le azioni operative da attuare, volte alla graduale messa in sicurezza degli impianti, in attesa di ulteriori sviluppi della situazione.

Leggi la notizia su eni.com

20.04.16

Eni: il Protocollo di Intesa per l’area di Gela procede nei tempi previsti

Si è svolto oggi presso il Ministero dello Sviluppo Economico un incontro con le Organizzazioni Sindacali, Regione Sicilia, Amministrazione Comunale di Gela, Mise ed Eni per verificare lo stato di avanzamento del Protocollo di Intesa siglato il 6 Novembre 2014. L’incontro, che segue la verifica dello scorso 24 Febbraio, ha rappresentato l’occasione per esaminare gli ulteriori sviluppi del Programma realizzati nel primo trimestre 2016.

Eni ha confermato che il Programma di rilancio delle attività industriali in Sicilia prosegue come previsto e che gli impegni assunti continuano a essere rispettati.

Leggi la notizia su eni.com

20.04.16

Il Primo Ministro dell’Algeria, Abdelmalek Sellal incontra l’AD di Eni, Claudio Descalzi

Il Primo ministro dell’Algeria, Abdelmalek Sellal, il ministro dell’Energia, Salah Khebri, e il Presidente Direttore Generale di Sonatrach, Amine Mazouzi hanno incontrato l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, dando seguito all’incontro che si è tenuto il 3 novembre scorso.

Nel corso dell’incontro l’AD ha illustrato ulteriori opportunità per il rilancio delle attività nell’ambito dello sviluppo del gas e dell’olio nelle concessioni esistenti nel paese.

Leggi il testo completo (su eni.com)

19.04.16

Eni: determinato il prezzo iniziale di Conversione del prestito obbligazionario equity-linked non diluitivo di Euro 400 milioni con scadenza 2022

Come comunicato al mercato il 6 aprile 2016, Eni S.p.A. (“Eni” o la “Società”) ha collocato un prestito obbligazionario equity-linked non diluitivo per un valore nominale pari a Euro 400 milioni con scadenza 2022 (le “Obbligazioni”), che prevede che gli obbligazionisti possano esercitare un diritto di “conversione‘ in determinati periodi e/o in presenza di determinati eventi, fermo restando che le Obbligazioni saranno regolate mediante cassa (la “Conversione”).

Leggi il testo completo (su eni.com)

18.04.16

Eni: rammarico per conferma sequestro centro olio, società ricorrerà in Cassazione

Eni prende atto con rammarico della decisione del tribunale di riesame di Potenza di conferma del sequestro del centro olio di Viggiano disposto dalla Procura di Potenza, nonostante le evidenze scientifiche indipendenti depositate agli atti del procedimento penale e illustrate nel corso dell’udienza presso il tribunale del riesame.

Eni procederà immediatamente a presentare ricorso in Cassazione, nelle more l’impianto olio di Viggiano rimarrà non operativo e sarà avviata la procedura di fermata e la messa in stato di piena sicurezza del sito.

Leggi il testo completo (su eni.com)

13.04.16

Eni: studi indipendenti dimostrano ottima qualità dell’ambiente e pieno rispetto dei requisiti normativi e autorizzativi

Qualità dell’ambiente, corrette procedure di reiniezione e stato di salute dei dipendenti confermano che tutte le operazioni di Eni presso il Centro Olio Val d’Agri (COVA) sono sempre state svolte nel pieno rispetto della legge. È quanto emerge dagli studi indipendenti di esperti internazionali presentati oggi da Eni a Potenza in una conferenza stampa.

Eni rende pubblici per la prima volta i risultati degli approfondimenti tecnici e scientifici condotti da consulenti di fama internazionale su tutti i profili interessati dall’attività industriale del COVA, depositati in giudizio, e che confermano come tutte le operazioni di Eni siano sempre state condotte nel pieno rispetto dei requisiti normativi e autorizzativi.

Leggi la notizia su eni.com

13.04.16

Annual Report on Form 20-F 2015

L’Annual Report on Form 20-F 2015 di Eni è stato depositato, in data odierna, presso la US Securities and Exchange Commission (SEC).

Il documento è disponibile sul sito www.eni.com nella sezione Documentazione. Gli investitori possono ottenere copia cartacea gratuita compilando il modello on-line nella sezione Documentazione, o su richiesta all’indirizzo e-mail segreteriasocietaria.azionisti@eni.com o investor.relations@eni.com.

08.04.16

L’innovazione di prodotto e di processo per rafforzare il ruolo strategico della raffinazione

Si è tenuto oggi a Roma, presso l’Automobile Club d’Italia, il workshop Eni, in collaborazione con Rie-Ricerche Industriali ed Energetiche, dal titolo “L’innovazione di prodotto e di processo per rafforzare il ruolo strategico della raffinazione”.

La crisi della raffinazione europea e italiana, causata dall’eccesso di capacità e dall’accresciuta concorrenza internazionale è resa ancora più ardua dai sempre più stringenti vincoli ambientali fissati dall’Unione Europea all’orizzonte 2020 relativi sia ai processi di raffinazione che alla qualità dei prodotti finiti. L’innovazione tecnologica, di processo e di prodotto, è una delle vie per rispondere a tali sfide e avviare una nuova fase dell’industria della raffinazione.

Leggi la notizia su eni.com

07.04.16

Eni annuncia che è stato concluso il collocamento del prestito obbligazionario equity-linked non diluitivo con scadenza 2022

Si è concluso il collocamento, presso investitori istituzionali, da parte di Eni S.p.A. (“Eni” o la “Società”) di un prestito obbligazionario equity-linked per un valore nominale complessivo pari a Euro 400 milioni (le “Obbligazioni”). L’operazione prevede, da un lato, l’emissione di un prestito obbligazionario equity-linked, il cui valore di rimborso è legato al valore di mercato delle azioni di Eni, di tipo cash-settled, vale a dire con solo regolamento mediante cassa e, dall’altro, l’acquisto da parte di Eni di cash-settled call options sulle azioni di Eni, anche in questo caso con solo regolamento mediante cassa, da uno o più dei Joint Bookrunners necessarieper la copertura della Società dall’esposizione derivante dall’esercizio dei diritti di Conversione da parte degli Obbligazionisti. Gli Obbligazionisti potranno esercitare un diritto di “conversione” in determinati periodi e/o in presenza di determinati eventi, fermo restando che le Obbligazioni saranno regolate mediante cassa (la “Conversione” e, laddove applicabile, “Convertite”) e che, pertanto, né l’emissione né la Conversione delle Obbligazioni attribuiranno alcun diritto a ricevere azioni di Eni e, dunque, non avranno alcun effetto diluitivo per gli azionisti.

Leggi il testo completo (su eni.com)