Eni avvia l’offerta di un prestito obbligazionario equity-linked non diluitivo con scadenza 2022

Eni S.p.A. (“Eni” o la “Società”) annuncia l’offerta di un prestito obbligazionario equity-linked per un valore nominale complessivo pari a circa Euro 500 milioni (le “Obbligazioni”) da collocare presso investitori istituzionali. L’operazione prevede, da un lato, l’emissione di un prestito obbligazionario equity-linked, il cui valore di rimborso è legato al valore di mercato delle azioni di Eni,di tipo cash-settled, vale a dire con solo regolamento mediante cassa e, dall’altro, l’acquisto da parte di Eni di cash-settled call options sulle azioni di Eni, anche in questo caso con solo regolamento mediante cassa, da uno o più dei Joint Bookrunners necessarieper la copertura della Società dall’esposizione derivante dall’esercizio dei diritti di Conversione da parte degli Obbligazionisti. Gli Obbligazionisti potranno esercitare un diritto di “conversione” in determinati periodi e/o in presenza di determinati eventi, fermo restando che le Obbligazioni saranno regolate mediante cassa (la “Conversione” e, laddove applicabile, “Convertite”) e che, pertanto, né l’emissione né la Conversione delle Obbligazioni attribuiranno alcun diritto a ricevere azioni di Eni e, dunque, non avranno alcun effetto diluitivo per gli azionisti.

Leggi il testo completo (su eni.com)

Tags: