Raffineria Taranto, in corso verifica impianti, riavvio previsto nel fine settimana

In merito agli eventi conseguenti alla fermata della Raffineria di Taranto, occorsa il 21 agosto scorso a seguito del forte temporale, Eni smentisce che i fenomeni odorigeni lamentati ieri e oggi siano imputabili alla raffineria, i cui impianti sono tutti in fermo totale. Si escludono anche sversamenti di idrocarburi, intesi come perdita di prodotto: la società Ecotaras, che era stata preventivamente allertata, è intervenuta per confinare e risolvere il fenomeno di iridescenza che si è verificato a causa del defluire direttamente nello scarico a mare di parte delle acque di dilavamento delle strade asfaltate, come conseguenza della quantità di acqua caduta – più di 12 mm in meno di due ore. Tale procedura è peraltro prevista dall’autorizzazione AIA.

Leggi la notizia su eni.com

Tags: