Eni: nella raffineria di Sannazzaro inizia la raccolta di oli alimentari esausti prodotti nelle abitazioni dei dipendenti. Saranno trasformati in biocarburante

Arriva a Sannazzaro de’ Burgondi il progetto Oilà, realizzato da Eni per il recupero degli oli alimentari usati e di frittura prodotti dai dipendenti nelle proprie abitazioni. Dopo Porto Marghera, Roma e Taranto, in questi giorni il progetto è in avviamento, grazie a una convenzione sottoscritta da Eni e da CLIR, società pubblica che svolge anche per il Comune di Sannazzaro le attività, tra le altre, relative alla gestione del ciclo dei rifiuti solidi urbani.

Leggi la notizia su eni.com

Tags: ,