Il supercomputer HPC5 di Eni per la ricerca sul Coronavirus

Eni ha messo liberamente a disposizione della ricerca sul Coronavirus le proprie infrastrutture di supercalcolo nonché le proprie competenze di modellazione molecolare, offrendo il contributo di strumenti e risorse di eccellenza nella lotta all’emergenza globale.

Leggi il testo completo (su eni.com)

Tags: