20.03.17

Eni posa la prima pietra dell’impianto fotovoltaico a Bir Rebaa Nord in Algeria

Il Ministro dell’Energia algerino, Noureddine Boutarfa, e il Presidente e Direttore Generale di Sonatrach, Amine Mazouzi, insieme con l’Amministratore Delegato di Eni Claudio Descalzi, hanno assistito alla posa della prima pietra dell’impianto fotovoltaico del giacimento di Bir Rebaa Nord, nel deserto dell’Algeria, che fornirà energia elettrica al campo petrolifero operato dal Groupemen Sonatrach Agip (GSA).

Leggi il testo completo (su eni.com)

27.01.17

Versalis: accordo con SONATRACH per studi di fattibilità per un complesso chimico in Algeria

L’accordo fa seguito all’intesa di cooperazione sottoscritta nel novembre scorso tra Eni e SONATRACH e prevede i termini di uno studio finalizzato a valorizzare idrocarburi attraverso prodotti petrolchimici a maggior valore aggiunto.

Leggi il testo completo (su eni.com)

26.09.16

Eni entra nel campo delle energie rinnovabili in Algeria

Il primo progetto a cui collaboreranno Eni e Sonatrach è un impianto fotovoltaico a Bir Rebaa North

Leggi il testo completo (su eni.com)

22.06.16

Il Ministro dell’Energia algerino, Noureddine Bouterfa, incontra l’AD di Eni, Claudio Descalzi

Il Ministro dell’Energia e il Presidente di Sonatrach hanno incontrato oggi l’AD di Eni. Firmato anche un accordo propedeutico all’estensione delle licenze produttive del giacimento ROD e di tre giacimenti del Blocco 403.

Leggi il testo completo (su eni.com)

20.04.16

Il Primo Ministro dell’Algeria, Abdelmalek Sellal incontra l’AD di Eni, Claudio Descalzi

Il Primo ministro dell’Algeria, Abdelmalek Sellal, il ministro dell’Energia, Salah Khebri, e il Presidente Direttore Generale di Sonatrach, Amine Mazouzi hanno incontrato l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, dando seguito all’incontro che si è tenuto il 3 novembre scorso.

Nel corso dell’incontro l’AD ha illustrato ulteriori opportunità per il rilancio delle attività nell’ambito dello sviluppo del gas e dell’olio nelle concessioni esistenti nel paese.

Leggi il testo completo (su eni.com)

04.11.15

Il Primo Ministro dell’Algeria, Abdelmalek Sellal incontra l’AD di Eni, Claudio Descalzi

Il Primo ministro dell’Algeria, Abdelmalek Sellal, il ministro dell’Energia, Salah Khebri e il PDG di Sonatrach, Amine Mazouzi, hanno incontrato oggi ad Algeri, l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi.

Durante l’incontro, l’AD di Eni ha descritto al Primo ministro gli importanti sviluppi delle attività Eni nel paese. Inoltre si è affrontato il capitolo dell’Energy mix ed Eni ha offerto disponibilità a valutare progetti in partnership per lo sviluppo delle energie rinnovabili.

L’AD di Eni ha poi illustrato le strategie future che Eni intende applicare nel Paese, al fine di rafforzare la partnership ultra decennale sia tra i due Paesi sia tra le due compagnie.

Eni è presente in Algeria dal 1981 e partecipa oggi in 32 permessi minerari collocandosi, con una produzione giornaliera di oltre 100.000 barili di olio equivalente, come primo produttore straniero, superato solo dalla compagnia di Stato Sonatrach.

L’Algeria rappresenta inoltre per l’Italia un importante partner strategico per il soddisfacimento del fabbisogno nazionale di gas.

14.01.15

Eni: totale estraneità rispetto all’indagine sulle attività Saipem in Algeria

Eni vuole ribadire la totale estraneità in relazione alle indagini della Procura di Milano sulle attività di Saipem in Algeria.

L’azienda conferma la sua più completa fiducia nella magistratura, alla quale ha confermato una piena volontà di collaborazione, ricordando, inoltre, che la società Saipem ha una propria autonomia gestionale, organi di controllo e vigilanza proprietari e, pertanto, totalmente indipendenti dall’azienda Eni.

Leggi la notizia su eni.com

28.04.11

Eni e Sonatrach firmano accordo di cooperazione per lo sviluppo del gas non convenzionale in Algeria

Sulla base delle valutazioni gia’ espresse, Eni conferma l’ alto potenziale presente in Algeria di “shale gas” che Eni e Sonatrach si impegnano a esplorare e sviluppare.

Leggi il comunicato (su eni.com)

30.07.08

Eni: nucleare in Medio Oriente

Eni sta considerando di realizzare alcuni impianti di energia nucleare per il Medio Oriente. Scaroni ha aggiunto che Egitto e Algeria sono tra i possibili candidati.

 

“I due colossi energetici Total ed Eni intendono offrire il loro aiuto per costruire delle centrali nucleari in Medio Oriente, in modo da trovarsi poi in una posizione più forte per trattative in progetti che rigardino il petrolio e il gas. Lo riferisce il Financial Times, che cita gli amministratori delegati delle due società. Secondo l’articolo, la francese Total spera di riuscire ad assicurarsi, come risultato, migliori condizioni e accesso all’industria del petrolio e del gas dei paesi e anche Eni sta pensando di seguire questa strada.”

 

Leggi l’articolo su “Reuters Italia” (09/07/2008): Eni, Total, offrono nucleare per gas e greggio in Medio Oriente

 

“Eni e la francese Total, ciascuna per suo conto, stanno considerando la possibilità di realizzare impianti nucleari per i paesi del Medio oriente. Lo rivela il Financial Times, in un lungo articolo d’apertura in cui si cita l’amministratore delegato dell’Eni, Paolo Scaroni e quello di Total, Christophe de Margerie. Secondo il Ft la scelta di Total e Eni segnerebbe «un controverso cambiamento in un’industria estromessa da molti dei principali giacimenti di gas e petrolio». «Total – rivela de Margerie al giornale britannico – intende collaborare alla costruzione di impianti nucleari, per negoziare condizioni più favorevoli e l’accesso all’industria del petrolio e del gas con paesi con cui abbiamo relazioni da lungo tempo». Scaroni, scrive il Ft, «sta pensando di seguire l’esempio di Total» e considera «Egitto e Algeria come possibili candidati».”

 

Leggi l’articolo su “Il Sole 24 Ore” (09/07/2008): Nucleare, l’Eni pensa a centrali in Algeria ed Egitto