02.03.16

Clean Sea: dai laboratori di ricerca Eni all’applicazione industriale

Clean Sea, tecnologia proprietaria ideata dai laboratori di ricerca Eni, sarà per la prima volta utilizzata per il monitoraggio ambientale marino e per le ispezioni delle installazioni offshore (“asset integrity”) nel Mediterraneo e nell’Africa Occidentale. Clean Sea, che è il risultato di uno dei più recenti progetti R&D di Eni per la caratterizzazione e protezione ambientale, assicura una migliore tutela dell’ambiente marino grazie all’ aumento di qualità e quantità dei dati ambientali raccolti a un costo minore rispetto alle tecnologie tradizionali.

Clean Sea può essere infatti impiegato utilizzando navi di supporto di dimensioni estremamente ridotte, diminuendo i costi legati alla logistica ed offrendo un’opzione vantaggiosa dal punto di vista economico rispetto alle tecnologie attualmente in uso. Può essere adottato in quegli ambienti marini dove si rendano necessari un’ispezione e un monitoraggio della qualità dell’acqua accurati, ampliando il proprio campo di applicazione anche ad ambiti diversi da quello tradizionale dell’Oil&Gas.

Leggi la notizia su eni.com

19.02.16

Clean Sea: un robot sottomarino

Clean Sea è un robot sottomarino autonomo, frutto della tecnologia Eni, nato per eseguire attività di monitoraggio e ispezione di impianti Oil & Gas offshore. Uno strumento versatile, che avrà grandi applicazioni sia nel campo diretto dell’esplorazione e produzione degli idrocarburi, sia in altri ambiti ambientali per analizzare la salute dei nostri mari.

Eni consolida così il proprio impegno nello sviluppo ed impiego delle più avanzate tecnologie a supporto delle attività Oil & Gas, sempre più rispettose dell’ambiente, sicure ed efficienti.

Scopri il dossier Clean Sea su eni.com

31.03.15

L’impegno di Eni per la gestione sostenibile delle attività Oil & Gas offshore

La volontà di Eni nell’attivare procedure sostenibili per l’esecuzione di compiti di monitoraggio ambientale ed ispezione degli impianti Oil & Gas offshore si traduce nell’utilizzo di avanzate tecnologie sottomarine come quelle di Clean Sea, robotica innovativa sviluppata dalla società Tecnomare.

Grazie all’utilizzo di un veicolo sottomarino AUV (Autonomous Underwater Vehicle), che non prevede la presenza di un pilota, Clean Sea ha la capacità di muoversi autonomamente nel mare, senza alcun collegamento fisico con la superficie, in grande silenziosità e necessitando di un minimo supporto logistico per il suo funzionamento. I nuovi veicoli AUV sostituiscono le tecnologie tradizionali ROV (Remotely Operated Vehicles) caratterizzate da un sistema di movimento basato sulla esistenza di un collegamento fisico tra il sottomarino ed una nave in superficie che gestisce il lancio, il recupero e tutte le operazioni realizzate nel fondo del mare.

Leggi la notizia su eni.com