06.10.17

Eni Award 2017, decima edizione. Assegnati i premi alla ricerca scientifica nel campo dell’energia e dell’ambiente.

Il premio testimonia l’importanza che la ricerca scientifica e l’innovazione hanno per Eni e, nel corso degli anni, è diventato punto di riferimento a livello internazionale per la ricerca nei campi dell’energia e dell’ambiente. Accanto al tradizionale premio Giovane ricercatore dell’anno, è stato istituito il Debutto nella Ricerca: Giovani talenti dall’Africa, dedicato ai giovani laureati africani.

Leggi il testo completo (su eni.com)

22.08.17

Lutto nel mondo della scienza: scompare il professor Gérard Férey

A 76 anni ci lascia Gérard Férey, già membro e Presidente della Commissione scientifica di Eni Award

Leggi la notizia su eni.com

24.05.17

Eni Award Lectures

Dal 23 maggio le “lezioni” sull’energia

Leggi la notizia su eni.com

24.10.16

Eni Award

Il premio all’energia cambia schema: giovedì 20 ottobre nel corso della cerimonia ufficiale al Palazzo del Quirinale, alla presenza del Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, sono stati premiati i vincitori di Eni Award 2016.

Nell’intervista a Giuseppe Tannoia, Direttore Ricerca e Innovazione Tecnologica di Eni, l’evoluzione di Eni Award e il nuovo modello di crescita di Eni, il valore della ricerca, i campi di applicazione e l’importanza strategica dell’Africa.

Scopri il dossier Eni Award su eni.com

21.10.16

Eni Award 2016

Eni Award ha lo scopo di promuovere un migliore utilizzo delle fonti energetiche e di stimolare le nuove generazioni di ricercatori, a testimonianza dell’importanza assegnata da Eni alla ricerca scientifica e ai temi della sostenibilità

Leggi la notizia su eni.com

07.07.16

Eni Award: designati i vincitori per l’edizione 2016

I premi Eni Award 2016 verranno consegnati il 20 ottobre prossimo a Roma, durante la cerimonia ufficiale che si terrà al Palazzo del Quirinale, alla presenza del Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella

Leggi la notizia su eni.com

18.05.16

Eni in Sicilia presenta alle Università le tecnologie innovative per l’energia e l’ambiente

Oggi presso le Università di Palermo e di Catania si sono svolte due importanti workshop scientifici promossi da Eni nell’ambito delle Eni Award Lectures, un progetto che si inserisce all’interno delle iniziative del Premio Eni Award, punto di riferimento a livello internazionale per la ricerca nelle tematiche dell’energia e dell’ambiente, che ogni anno porta in Italia alcuni tra i più importanti ricercatori del mondo.

L’evento fa parte del Programma di sviluppo dell’area di Gela siglato con il Protocollo di Intesa tra Eni, Regione Sicilia e diversi attori istituzionali presso il Ministero dello Sviluppo Economico il 6 novembre 2014. Nell’ambito dell’Accordo, che prevede un piano di investimenti quadriennale pari a 2,2 miliardi di euro su diverse linee di intervento industriale per il rilancio del territorio, si inseriscono anche le attività di collaborazione per la realizzazione di iniziative legate all’ambiente e orientate allo sviluppo di tecnologie innovative.

Leggi la notizia su eni.com

29.05.15

Eni Award: nominati i vincitori per l’edizione 2015

Eni rende noti i nomi dei ricercatori e scienziati premiati nell’ottava edizione di Eni Award, il premio istituito nel 2007 e divenuto nel corso degli anni un punto di riferimento a livello internazionale per la ricerca nei campi dell’energia e dell’ambiente. Eni Award ha lo scopo di promuovere un migliore utilizzo delle fonti energetiche e stimolare le nuove generazioni di ricercatori, a testimonianza dell’importanza che Eni dà alla ricerca scientifica e ai temi della sostenibilità.

Il Premio “Nuove frontiere degli idrocarburi” è stato assegnato per la sezione Upstream a Johan Olof Anders Robertsson, dell’ETH di Zurigo per la recente ricerca, svolta insieme a Dirk-Jan van Manen, Ali Özbek, Massimiliano Vassallo e Kemal Özdemir, focalizzata sullo sviluppo di una tecnologia innovativa di acquisizione e modellazione dei dati di prospezione a mare con metodi acustici (sismici), capace di superare gli attuali limiti di visualizzazione e caratterizzazione delle caratteristiche del sottosuolo nel pieno rispetto dell’ambiente. Poiché la prospezione sismica è alla base di ogni moderna attività di esplorazione petrolifera, un miglioramento della tecnologia consente una più precisa ricostruzione delle strutture del sottosuolo rendendo più affidabile il riconoscimento di quelle ad alto potenziale petrolifero. Diretta conseguenza è un vantaggio nelle componenti tecniche ed economiche dei progetti Oil&Gas fin dalle prime fasi del loro sviluppo.

Leggi il testo completo (su eni.com)