22.03.17

Eni: firmato Memorandum of Understanding con Gazprom

Il Memorandum include anche l’analisi di opzioni relative a partnership nel settore del GNL (gas naturale liquefatto).

Leggi il testo completo (su eni.com)

25.01.16

L’AD di Gazprom, Alexey Miller incontra a Mosca l’AD di Eni, Claudio Descalzi

L’Amministratore Delegato di Gazprom, Alexey Miller, ha incontrato oggi a Mosca l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi.

Durante l’incontro si è discusso principalmente dell’andamento del prezzo del gas in Europa, alla luce degli attuali prezzi del petrolio.

Le due società hanno inoltre ribadito la stretta collaborazione nell’ambito del mercato del gas italiano e si sono impegnate ad adottare le necessarie misure per massimizzare le vendite di gas russo nel contesto dei contratti di lungo termine in essere tra le parti.

25.08.15

L’Ad di Gazprom, Alexey Miller, incontra a Mosca l’Ad di Eni, Claudio Descalzi

L’Amministratore delegato di Gazprom, Alexey Miller, ha incontrato oggi a Mosca l’Amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi. Durante l’incontro, che si è svolto in un clima di cordialità, si è discusso, tra le altre cose, dello scenario energetico globale con particolare attenzione alle dinamiche del mercato del gas in Europa.

Le due società hanno confermato l’intenzione di continuare a collaborare attivamente nell’ambito del mercato del gas italiano ed europeo, soprattutto in merito ai contratti in essere.

07.04.08

Scaroni: incontro con Putin

Paolo Scaroni, insieme ai più importanti manager italiani, hanno fatto visita al Presidente russo Putin, nella dacia di Novo-Ogaryovo. L’incontro segue quello tenutosi un anno fa, tra gli imprenditori russi e il premier Romano Prodi.

“I grandi manager italiani oggi saranno ricevuti da Vladimir Putin, presidente russo, nella dacia di Novo-Ogaryovo. Alla “corte di Putin”, come la chiama La Stampa di oggi, interverranno Paolo Scaroni, numero uno dell’italiana Eni, Fulvio Conti, amministratore delegato di Enel e Pierfrancesco Guarguaglini, numero uno di Finmeccanica. Non solo i manager di stato saranno, però, presenti all’incontro. Parteciperanno, infatti, anche Giovanni Bazoli, numero uno di Intesa Sanpaolo, Pietro Ferrero, coamministratore delegato di Ferrero Spa e Marco Melani, amministratore delegato di Indesit. L’incontro segue quello di un anno fa fatto dagli imprenditori russi con il premier Romano Prodi. Fra un mese Putin dovrà lasciare il Cremlino al successore Dmitry Medved, tuttavia nessuno mette in dubbio la sua posizione di uomo chiave nella nuova Russia.”

Leggi l’articolo su: “La Stampa” (02/04/2008) : I manager italiani alla corte di Putin

“L’incontro odierno si tiene nella residenza di Novo Ogarevo, appena fuori Mosca, e l’appello delle presenze è presto fatto. Ci sara’ Paolo Scaroni, Ceo di Eni, il numero uno di Enel Fulvio Conti, Pier Francesco Guarguaglini presidente e amministratore delegato di Finmeccanica, Giovanni Bazoli presidente di Banca Intesa. E ancora Piero Ferrero e per Indesit Marco Melani. Per la parte russa ad affiancare Putin ci saranno il ministro dello Sviluppo economico Elvira Nabiullina e Sergei Yastrzhembsky, consigliere del presidente russo per i rapporti con l’Ue. Per la parte italiana ci sara’ l’ambasciatore Vittorio Surdo e in rappresentanza del foro di dialogo italo-russo Luisa Todini. L’incontro riflette a specchio l’arrivo di una squadra di imprenditori russi a Roma l’anno scorso. Allora i businessman vennero accolti dal presidente Romano Prodi. Oggi i top manager avranno l’opportunità di parlare con il presidente di investimenti in corso e nuovi progetti. E lo stesso Vladimir Vladimirovic non ha mai mancato di apprezzare l’impegno economico italiano in Russia. A partire dagli investimenti di Enel che ormai superano gli 8 miliardi di dollari e hanno portato il gruppo guidato da Conti al controllo della compagnia di generazione russa Ogk-5. Ruolo di grande rilievo anche per Eni, ideatrice e partner insieme con Gazprom del progetto South Stream, il gasdotto destinato a portare da sud l’oro blu russo nel cuore dell’Europa.”

Leggi l’articolo si “Alice News” ((02/04/2008) : NE/ ITALIA-RUSSIA, TOP MANAGER ITALIANI OGGI DA PUTIN

02.04.08

Scaroni: a Mosca per collaborazione Eni-Gazprom

Si è tenuto a Mosca un incontro di lavoro tra Paolo Scaroni e Alexey Miller, Amministratore Delegato di Gazprom, per una collaborazione tra le due compagnie nel settore oil&gas.

“Si è svolto ieri, a Mosca, un incontro di lavoro fra l’amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, e l’omologo di Gazprom, Alexey Miller. I manager, si legge in una nota, hanno discusso «le prospettive di sviluppo della collaborazione nel settore oil&gas». In particolare, hanno portato avanti i negoziati per lo scambio di asset nell’ambito dell’accordo strategico tra le due compagnie: è noto che esistono trattative aperte per dare una quota di Enipower a Gazprom come pure esistono progetti per operazioni congiunte in Nord Africa. Miller e Scaroni, inoltre, «hanno esaminato lo stato di avanzamento del progetto South Stream».”

Leggi l’articolo su “Il Giornale” (26/03/2008): Scaroni «stringe» l’asse con Gazprom


“Si e’ tenuto a Mosca, presso la sede centrale di Gazprom, un incontro di lavoro tra il Ceo di Gazprom, Alexey Miller, e l’a.d. di Eni, Paolo Scaroni. Le parti, informa una nota, hanno discusso le prospettive di sviluppo della collaborazione nel settore oil&gas e, in particolare, hanno compiuto un grande passo in avanti nei negoziati per lo scambio di asset nell’ambito dell’accordo strategico tra le due compagnie. Alexey Miller e Paolo Scaroni hanno esaminato lo stato di avanzamento del progetto South Stream e hanno valutato positivamente lo sviluppo della collaborazione tra le compagnie. E’ stata anche presa la decisione di effettuare una presentazione congiunta del progetto South Stream a Bruxelles. All’incontro, inoltre, sono state discusse opportunita’ di collaborazione tra Gazprom Neft ed Eni.“

Leggi l’articolo su “Borsa Italiana” (26/03/2008): Eni: incontro Scaroni-Miller su collaborazione con Gazprom

24.12.06

Paolo Scaroni: intervista al Sunday Times

Lo scorso mese Eni – il più grande distributore di gas in Europa e la sesta più grande compagnia petrolifera del mondo – ha annunciato un accordo con il colosso del gas Gazprom che permetterà ai russi di vendere gas direttamente ai consumatori italiani.
“L’accordo che abbiamo firmato con Gazprom è un classico esempio – afferma Paolo Scaroni -. Per realizzarlo ad alti livelli sono necessarie perseveranza e il team giusto”. “Il consumo di gas – aggiunge – sta crescendo così tanto che basta stare al suo passo per aumentare il fatturato”.
Leggi l’articolo completo sul Sunday Times (in inglese):
Energy chief pushes Italy into arms of Russian bear

21.12.06

Paolo Scaroni: Il patto dei trent’anni

Panorama Economy, 21-12-2006
“La cosa che non mi faceva dormire la notte era quella di svegliarmi alla mattina e leggere che tutto questo gas sarebbe andato verso la Cina, l’India o la Corea, facendoci perdere così questa energia preziosa. Questa era la vera preoccupazione”. Così parlò l’amministratore delegato Eni, Paolo Scaroni, in occasione del seminario milanese di inizio dicembre della fondazione Italianieuropei.
Da due settimane, però, le sue notti dovevano essersi fatte decisamente più tranquille, visto che al 14 novembre risale la conclusione dello storico accordo con Gazprom. (…) Eni conta di ricavare circa 6 miliardi di euro l’anno dalla distribuzione del gas russo sul territorio nazionale.

20.12.06

Eni-Gazprom, l’intesa punto per punto

Il Messaggero, 20-12-2006
Il gruppo italiano Eni potrebbe entrare in Novatek con il 19%, i russi di Gazprom in Kazakistan. Entro il 31 dicembre si chiude la parte commerciale dell’accordo firmato a Mosca in novembre dalle due società. Nell’Agreement coinvolta anche l’Enel per partecipare alla gara per Artikgas e per gli assets di Urengoil. Collaborazioni nel gas liquefatto. Come contropartita per l’ingresso in Russia della società italiana guidata da Paolo Scaroni, la Gazprom potrebbe acquisire quote in Libia, Egitto e Ecuador, dove Eni è già presente.
Il Messaggero – vai al sito

06.12.06

Scaroni: dalla Russia con calore

Paolo Scaroni, amministratore delegato Eni, in un intervista a Panorama spiega il valore dell’accordo firmato martedì 14 novembre a Mosca con i vertici della Gazprom.
Forniture di gas all’Italia per 30 anni e sfruttamento di alcuni giacimenti siberiani di petrolio.
In cambio il colosso russo entrerà nel capitale dell’Enipower, ma non nella rete italiana del gas.

Leggi l’articolo “Scaroni: dalla Russia con calore ” su Panorama.it

31.10.06

Paolo Scaroni AD Eni e Neelie Kroes, commissario UE per la concorrenza

In un colloquio a due voci con la Stampa il 31.10.2006, l’Amministratore Delegato dell’Eni Paolo Scaroni e Neelie Kroes, commissario UE per la concorrenza dibattono sui vincoli del mercato unico dell’energia che in Europa stenta a prendere forma.
Poca trasparenza, ha stigmatizzato la signora dell’Antitrust in un discorso tenuto il giorno prima a Lisbona: i colossi europei devono scorporare la rete.
Giusto messaggio, risponde Paolo Scaroni attraverso la Stampa, bisogna fare il mercato senza frontiere e sciogliere il nodo dell’integrazione verticale con una società unica europea per la gestione delle reti comuni.
Continua la lettura di Paolo Scaroni AD Eni e Neelie Kroes, commissario UE per la concorrenza»