20.12.17

La Delegazione Di Eni In Iraq Ha Incontrato Il Governatore Di Bassora Per Presentare Il Progetto di Miglioria Dell’ospedale Pediatrico

La delegazione di Eni Iraq ha incontrato il Governatore di Bassora per il progetto di miglioria dell’Ospedale Pediatrico focalizzato su istruzione e formazione, infrastrutture, tecnologia e manutenzione, miglioramento delle condizioni dei pazienti e dei familiari e la sicurezza dei processi clinici.

Leggi la notizia su eni.com

29.11.17

Primo corso di aggiornamento per insegnanti organizzato da Eni Iraq

Il 21 novembre 2017, il Chief Upstream Officer di Eni Antonio Vella, con un delegazione di senior manager dell’azienda, ha partecipato alla cerimonia di chiusura del primo Corso di Aggiornamento per insegnanti locali organizzato da Eni Iraq nell’ambito dell’Education Program 2017-2022.

Leggi la notizia su eni.com

27.07.17

Iraq, un patto per l’educazione

Il 20 luglio 2017 si è svolto presso i locali del Life Support Camp del campo di Zubair, un incontro nell’ambito del Modello di Cooperazione, una delle leve fondamentali della strategia di Eni.

Leggi la notizia su eni.com

01.02.17

Il Primo Ministro iracheno al-‘Abadi incontra l’AD di Eni Claudio Descalzi

Il Primo Ministro dell’Iraq, Haydar al-‘Abadi, assieme al Ministro del Petrolio, Jabbar al-Luaibi, ha incontrato oggi a Baghdad l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi.

Leggi il testo completo (su eni.com)

26.10.16

Eni: Procura di Milano richiede archiviazione del fascicolo Kazakhstan-Iraq

Eni prende atto della richiesta di archiviazione depositata dalla Procura di Milano in relazione alle indagini per asserite attività corruttive in Kazakhstan e Iraq. Eni ricorda che le verifiche interne non avevano evidenziato alcuna condotta illecita.

04.03.16

Eni avvia tre impianti di trattamento di olio e gas presso il giacimento di Zubair

Eni e Kogas hanno inaugurato oggi, alla presenza del vice-ministro del Petrolio dell’Iraq Fayadh Hassan Nima e di altri rappresentanti del governo iracheno, tre nuovi impianti di ultima generazione per il trattamento di olio, gas e acqua (Initial Production Facilities, IPF) del giacimento di Zubair, nel sud dell’Iraq.

Gli impianti, che assieme a quelli già esistenti, ristrutturati e ammodernati, hanno aumentato la capacità di trattamento dell’olio e del gas di Zubair a circa 650mila barili al giorno, sono dislocati nell’area di Hammar (4 treni per una capacità totale di 200mila barili al giorno), Zubair e Rafydia (con una capacità di 50mila barili al giorno ciascuno). Hammar e Zubair hanno già iniziato sia la produzione che l’esportazione, mentre Rafidiya inizierà entro la fine di marzo.

Leggi il testo completo (su eni.com)

10.02.16

Il Primo Ministro dell’Iraq, Haydar al-‘Abadi, incontra l’AD di Eni, Claudio Descalzi

Il Primo Ministro dell’Iraq, Haydar al-‘Abadi, ha incontrato oggi a Roma l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi. L’incontro è avvenuto a Palazzo Chigi, sede del Governo italiano, a margine della visita di Stato del Primo Ministro iracheno in Italia.

Durante l’incontro, l’AD di Eni e il Primo Ministro al-‘Abadi hanno discusso delle prospettive di sviluppo del settore petrolifero in Iraq e in particolare delle attività di sviluppo del giacimento petrolifero di Zubair, operato da Eni. Zubair, situato nelle vicinanze della città di Bassora, è considerato uno dei giacimenti più grandi del Paese, con una produzione complessiva di circa 360.000 barili di olio equivalente al giorno.

Leggi il testo completo (su eni.com)

28.04.08

Eni: qualificata per le gare d’appalto in Iraq

Eni è tra le 35 compagnie qualificatesi per le gare d’appalto per i contratti nel settore del petrolio e del gas in Iraq.

 

“C’è anche l’italiana ENI fra le compagnie petrolifere internazionali che Baghdad inviterà “presto” a partecipare alle gare d’appalto per i contratti nel settore del petrolio e del gas. Oggi il ministero del Petrolio iracheno ha dato l’annuncio delle 35 compagnie che si sono qualificate, fra le 120 che avevano presentato la documentazione richiesta. Il suo portavoce, Asim Jihad, ha detto che il primo round di gare verrà bandito a breve. “Il ministero del Petrolio sta agendo con urgenza per sviluppare i giacimenti petroliferi e aumentare la produzione di greggio”, ha sottolineato, aggiungendo che questo primo round riguarderà giacimenti in tutte le regioni del Paese, senza tuttavia fornire dettagli specifici. L’elenco delle 35 compagnie che si sono qualificate è stato pubblicato oggi sul sito Internet del ministero. Quanto alle altre, ha detto Jihad, potranno ancora qualificarsi per il secondo round di gare e per quelli successivi. Fra le compagnie che si sono qualificate, ci sono grosse multinazionali come BP, Chevron, Exxon Mobil, Royal Dutch Shell, e Total – le cinque che da mesi stanno già negoziando con il governo di Baghdad i Technical Service Agreements (TSA), contratti di servizio per altrettanti grossi giacimenti, già operativi, con l’obiettivo di aumentarne la produzione di 100.000 barili al giorno ciascuno. Altre compagnie che compaiono nell’elenco sono la Conoco Phillips, la russa LUKOIL, la spagnola Repsol, l’australiana BHP Billiton, e l’italiana Gruppo Edison.”

 

Leggi l’articolo su “Osservatorio Iraq” (14/04/2008): L’ENI si qualifica per il primo round di gare petrolifere in Iraq