02.08.18

Eni annuncia l’approvazione del Piano di Sviluppo per le scoperte dell’Area 1 nell’offshore del Messico

Questo risultato è stato conseguito dopo soli 32 mesi dalla firma del Production Sharing Contract (PSC) per l’Area 1, vinto da Eni in una gara internazionale, e 17 mesi dopo il primo pozzo effettuato nel blocco.

Leggi il testo completo (su eni.com)

29.03.18

Eni si aggiudica una nuova licenza di esplorazione e produzione nel bacino della Cuenca Salina nell’offshore messicano

Questo risultato permette ad Eni di consolidare ulteriormente la propria presenza nel Paese, realizzando significative sinergie operative.

Leggi il testo completo (su eni.com)

02.02.18

Eni rafforza la sua presenza nell’offshore del Messico con l’assegnazione del Blocco 24 nelle acque profonde del Bacino della Cuenca Salina

Il Blocco 24, vinto nell’ambito della quarta asta internazionale “Ronda 2” indetta dalla Commissione Nazionale per gli Idrocarburi, permette ad Eni di consolidare una nuova area core con sinergie significative nel Paese.

Leggi il testo completo (su eni.com)

03.01.18

Eni completa con successo la prova di produzione del pozzo Tecoalli 2 nell’Area 1 nell’offshore del Messico

Questi risultati e la revisione dei modelli di reservoir dei campi di Amoca e Miztón, hanno recentemente consentito di incrementare la stima totale di idrocarburi in posto nell’Area 1 a 2 miliardi di barili di olio equivalente, dei quali circa il 90% olio e il rimanente gas associato.

Leggi il testo completo (su eni.com)

13.12.17

Eni completa la campagna di perforazione 2017 nell’Area 1, nell’offshore del Messico, con un altro successo e incrementa la stima degli idrocarburi in posto a 2 miliardi di barili

Grazie ai risultati di questo pozzo e alla revisione dei modelli di reservoir dei campi di Amoca e Miztón, la stima totale di idrocarburi in posto nell’Area 1 sale da 1,4 a 2 miliardi di barili di olio equivalente (Bboe), dei quali circa il 90% olio e il rimanente gas associato.

Leggi il testo completo (su eni.com)

13.07.17

Eni, perforato con successo un nuovo pozzo nell’offshore messicano: nuove risorse e prospettive per il campo Amoca

Grazie ai risultati del nuovo pozzo, Eni aumenta a 1 miliardo di boe le risorse in posto di Amoca, spianando così la strada alla realizzazione di un piano di sviluppo accelerato. Eni ha perforato e testato con successo il pozzo Amoca-3 nelle acque poco profonde della baia di Campeche in Messico, incontrando un importante accumulo di olio in vari livelli reservoir delle formazioni Orca e Cinco Presidentes.

Leggi il testo completo (su eni.com)

21.06.17

Eni rafforza la propria presenza in Messico aggiudicandosi tre nuovi contratti di Esplorazione e Produzione

Questo risultato permette ad Eni di ampliare ulteriormente la propria presenza in un mercato che solo con la riforma energetica del 2014 si è aperto ad investimenti stranieri, e che ha un grande potenziale di crescita.

Leggi il testo completo (su eni.com)

04.05.17

Il Presidente del Messico Enrique Peña Nieto incontra l’AD di Eni Claudio Descalzi

Tema centrale della discussione è stato lo sviluppo del campo di Amoca, in cui Eni sta già studiando l’esecuzione di una fase di early production per anticipare i tempi di start-up

Leggi il testo completo (su eni.com)

27.04.16

Incontro tra l’Amministratore Delegato Claudio Descalzi e l’AD di Pemex José Antonio González Anaya

L’ Amministratore Delegato della compagnia di stato messicana Pemex, José Antonio González Anaya, ha incontrato oggi a Citta’ del Messico l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi.

Nel corso dell’incontro, l’AD di Eni ha illustrato la strategia della società nel paese, incentrata sul consolidamento e sulla crescita della propria presenza in Messico, dove è stata la prima major internazionale ad acquisire un blocco (Area 1) a seguito di una gara internazionale che si è svolta lo scorso settembre.

Leggi il testo completo (su eni.com)

02.12.15

Eni: via libera alla campagna di perforazione nell’offshore del Messico

Eni ha firmato a Città del Messico con la Comisión Nacional de Hidrocarburos del Messico (CNH) un Production Sharing Contract (PSC) per lo sviluppo dei giacimenti ad olio di Amoca, Miztón e Tecoalli, che si trovano nella Baia di Campeche, nell’offshore del Messico.

Eni si era aggiudicata con la quota del 100% i diritti per lo sviluppo e lo sfruttamento dei tre giacimenti, che sono situati all’interno dell’Area 1, lo scorso 30 settembre a seguito di un’asta internazionale. I giacimenti si trovano in acque convenzionali a una profondità di 20-40 metri e a breve distanza dalla costa, in contesti operativi sui quali Eni ha una comprovata esperienza e opera nel mondo con elevata efficienza e bassi costi operativi.

Leggi il testo completo (su eni.com)

02.10.15

Eni entra in Messico con lo sviluppo di tre giacimenti offshore

Eni si è aggiudicata ieri a Città del Messico, a seguito di una gara internazionale, un Production Sharing Contract, con la quota del 100%, per lo sviluppo e lo sfruttamento dei giacimenti a olio di Amoca, Miztón e Tecoalli, che si trovano nella Baia di Campeche, nell’offshore del Messico.

Amoca, Mitzon e Teocalli sono situati nella cosiddetta “Area 1”, in acque convenzionali e a una profondità che varia tra i 20 e i 40 metri. I campi sono collocati a breve distanza dalla costa, in un contesto operativo nel quale Eni ha una comprovata esperienza, operando con elevata efficienza e con bassi costi operativi. Secondo le stime ufficiali della Comisión Nacional de Hidrocarburos (CNH), che ha organizzato la gara, i volumi di olio in posto complessivi, per tutti e tre i campi, sono pari a circa 800 milioni di barili di olio e 14 miliardi di metri cubi di gas associato.

Leggi il testo completo (su eni.com)

19.01.15

Eni annuncia l’avvio della produzione del campo petrolifero Lucius nelle acque profonde del Golfo del Messico

Eni annuncia l’avvio della produzione del campo Lucius, situato negli Stati Uniti nelle acque profonde del Golfo del Messico, 240 miglia a sud della costa della Louisiana.

La produzione di Lucius, che si trova a circa 2.100 metri di profondità d’acqua, si sviluppa attraverso 6 pozzi sottomarini allacciati a una piattaforma galleggiante di trattamento di olio e gas, collegata alla costa attraverso oleodotti e gasdotti dedicati. La piattaforma ha una capacità di trattamento di circa 80.000 barili di olio al giorno (bopd) e di 13 milioni di metri cubi di gas al giorno. Quando l’incremento del livello produttivo di tutti i pozzi sarà completato, la produzione giornaliera nel campo sarà di circa 7.000 barili di olio equivalente al giorno (boed) in quota Eni.

Leggi il testo completo (su eni.com)