18.10.19

MIT e Eni rinnovano la collaborazione per la ricerca su tecnologie low-carbon

Il MIT ed Eni rinnovano la loro collaborazione per la ricerca nel campo delle energie low carbon, estendendo fino al 2023 l’adesione di Eni alla MITEI in qualità di Socio Fondatore. I nuovi elementi della collaborazione riguardano l’adesione di Eni al Mobility Systems Center, che è il più recente dei Low-Carbon Energy Center del MITEI e al MIT Quest for Intelligence, che è un’iniziativa per promuovere la ricerca avanzata sull’intelligenza artificiale a beneficio della società.

Leggi il testo completo (su eni.com)

15.06.18

Eni e MIT insieme per l’energia del futuro

Una strategia comune per la transizione energetica. 10 anni di collaborazione tra Eni e il Massachusetts Institute of Technology (MIT), di tecnologie innovative e risultati eccellenti: rinnovabili, ambiente, sicurezza sul lavoro. E ora la fusione. Una sfida che Eni intende realizzare con questo prestigioso partner, che sulla fusione ha un’esperienza lunghissima e di eccellenza.

Lo scorso 9 marzo l’azienda, infatti, ha stretto un accordo con il Fusion Systems (CFS), società nata come spin-out del MIT, che le permetterà di acquisire una quota del capitale di CFS per sviluppare il primo impianto che produrrà energia grazie alla fusione, fonte sicura, sostenibile, virtualmente inesauribile e senza alcuna emissione di inquinanti e gas serra. In occasione del decimo anniversario dell’alleanza Eni – MIT, il 12 e 13 giugno, è stato organizzato un workshop per fare il punto sulle ultime frontiere della ricerca per la diffusione e la commercializzazione delle tecnologie.

Scopri il dossier Eni e MIT insieme per l’energia del futuro su eni.com

17.01.17

Energia: Eni e MIT rinnovano la collaborazione di ricerca

Il Presidente MIT, Rafael Reif, e il CEO di Eni, Claudio Descalzi, discutono a Roma della ricerca di frontiera, low-carbon e nel campo delle rinnovabili.

Leggi il testo completo (su eni.com)

20.06.16

Workshop Eni-MIT: ricerca e industria, lavorare insieme per la transizione energetica

L’alleanza strategica col MIT ha contribuito a sviluppare competenze e tecnologie avanzate nel campo delle rinnovabili, in particolare con la creazione presso il MIT del Solar Frontier Energy Center, che consentiranno ad Eni nei prossimi anni di supportare la progressiva decarbonizzazione delle sue fonti di approvvigionamento energetico.

Leggi la notizia su eni.com

18.12.15

Uno studio sulle tecnologie solari più efficienti

Una ricerca “Enhanced energy transport in genetically engineered excitonic networks” pubblicata sulla rivista scientifica Nature Materials frutto della collaborazione dei ricercatori internazionali dei Dipartimenti di Fisica e Astronomia e del Laboratorio Europeo di Spettroscopie Non-lineari (LENS) dell’Università di Firenze e del Dipartimento di Chimica dell’Università di Perugia, dell’Istituto Nazionale di Ottica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (INO-CNR), del centro di ricerca “Quantum Science and Technology in Arcetri” (QSTAR), del Massachussets Institute of Technology (MIT) e del Centro Ricerche Eni Donegani di Novara.

Lo studio per realizzare dispositivi solari ad elevata efficienza rientra nell’ambito della partnership tra l’azienda Eni e il MIT siglata nell’anno 2008.

Leggi la notizia su eni.com

25.07.08

Scaroni: costituito il Solar Frontiers Center

Paolo Scaroni ha annunciato la costituzione del Solar Frontiers Center presso il Massachusetts Institute of Technology. Il centro nasce per promuovere la ricerca multi disciplinare nelle tecnologie solari di prossima generazione.

“Il Gruppo Eni punta sempre di piu’ sulla ricerca nel campo dell’energia solare: l’ad del Gruppo Paolo Scaroni ha annunciato la costituzione dell’Eni Solar Frontiers Center presso il Massachusetts Institute of Technology. E’ il risultato dell’accordo firmato a febbraio fra Eni e Mit per una partnership strategica sulla ricerca di frontiera nel solare. “E’ una scommessa da 50 mln di dollari – ha detto Scaroni – siamo convinti che lo sviluppo del solare sia legato alla sostituzione dell’attuale tecnologia basata sul silicio con materiali che raccolgano l’energia solare in modo piu’ efficiente e meno costoso”. Il nuovo centro punta quindi a promuovere e accelerare la ricerca multidisciplinare nelle tecnologie solari di prossima generazione, tra cui le nano tecnologie, i materiali avanzati e la produzione di idrogeno attraverso l’energia solare. L’annuncio e’ stato fatto in occasione di un seminario al Politecnico di Milano dal titolo ‘Global Energy Challenges and Solutions’, a cui partecipano ricercatori di Eni, Mit e dello stesso Politecnico.”

Leggi l’articolo su “Agenzia Giornalistica Italiana” (07/07/2008): ENERGIA: SCARONI ANNUNCIA ENI SOLAR FRONTIERS CENTER

28.02.08

Eni: partnership con MIT per ricerche sull’energia solare

Eni stanzia 50 milioni di dollari per partecipare ai programmi di ricerca sull’energia solare del Massachusetts Institute of Technology (Mit), per i prossimi cinque anni.

“Il solare e’ la soluzione ai nostri problemi energetici, e’ un’energia pulita e creativa. Ci vorranno trenta o quarant’anni prima che il solare diventi una fonte energetica su scala industriale, ma e’ importante cominciare ad investire da ora”. Lo ha affermato l’amministratore delegato di Eni Paolo Scaroni, in occasione della firma del protocollo Eni-Mit sulla ricerca nell’energia solare. “Tutti mi chiedono cosa succedera’ quando finira’ il petrolio. Io rispondo che questo non succedera’ presto, ma facciamo bene a pensare al dopo. Solo l’energia solare puo’ essere la soluzione, tutte le altre sono parziali. E l’accordo con il Mit va esattamente in questa direzione. Non ci aspettiamo risultati immediati, ma sappiamo che siamo nella direzione giusta.”

Leggi l’articolo su “Agenzia Giornalistica Italiana” (26/02/2008): SCARONI: ACCORDO CON MIT PER PUNTARE SUL SOLARE