10.11.17

Eni: la sicurezza va in scena al Multisala Planet a Siracusa

Uno spettacolo teatrale per promuovere la sicurezza sul lavoro. “Il Patto che ti salva la vita”, in scena oggi al Multisala Planet a Siracusa, è un’iniziativa delle società Eni presenti nel territorio – Versalis e Syndial – in collaborazione con Confindustria e il Safety Competence Center Eni.

Leggi la notizia su eni.com

11.10.17

Eni, Filctem CGIL, Femca CISL e Uiltec UIL siglano Protocollo su Salute, Sicurezza e Ambiente

Eni e le Organizzazioni Sindacali Filctem CGIL, Femca CISL e Uiltec UIL hanno sottoscritto a Roma un Protocollo su Salute, Sicurezza e Ambiente.

Leggi il testo completo (su eni.com)

19.12.16

Eni ha incontrato le organizzazioni sindacali per il rinnovo dell’accordo sull’osservatorio europeo salute sicurezza e ambiente

Si è svolto oggi a Roma l’incontro tra Eni, le Organizzazioni Sindacali del Settore Energia e Petrolio, Filctem CGIL, Femca CISL, Uiltec UIL e la Federazione Sindacale Europea IndustriAll European Trade Union, per il rinnovo dell’accordo sull’Osservatorio Europeo Salute Sicurezza e Ambiente.

Leggi la notizia su eni.com

20.06.16

Eni sigla a Gela il Patto per la sicurezza con le ditte dell’indotto

Si è svolto ieri a Gela il “Patto per la sicurezza” alla presenza del Responsabile HSEQ – Health, Safety, Environment and Quality – di Eni, Giuseppe Ricci, e tutti i contrattisti impegnati nelle attività sul territorio. Il “Patto”, che negli ultimi due anni è stato progressivamente applicato ai cantieri di costruzione, viene ora esteso anche alle attività di routine, diventando un vero e proprio modello di gestione della sicurezza in Eni.

Leggi la notizia su eni.com

17.05.16

Eni Safety Day: nel 2015 ridotti gli infortuni del 40%

Si è svolto oggi il V° “Safety Day” di Eni alla presenza del Presidente, Emma Marcegaglia, e dell’Amministratore Delegato, Claudio Descalzi, nel corso del quale sono stati presentati i positivi risultati raggiunti da Eni nella sicurezza.

Anche per il 2015 impegno, professionalità e cultura della sicurezza hanno consentito a Eni di confermare le performance migliori in ambito HSE fra tutte le società del comparto Oil&Gas, attestandosi su un indice di frequenza degli infortuni per milione di ore lavorate pari allo 0,2, con una riduzione del 40% rispetto al 2014 e in un ulteriore miglioramento del 10% nel primo trimestre 2016. Un risultato di eccellenza anche nel confronto con l’indice di frequenza infortuni con assenza dal lavoro della media italiana ed europea, che mostra valori superiori al 10 sia per il settore industriale che per tutti i lavoratori in generale.

Leggi il testo completo (su eni.com)

11.09.15

La sicurezza in Eni

Prosegue il Safety Road Show di Eni, una delle principali iniziative volute fortemente dall’azienda del cane a sei zampe che mira a condividere con management e dipendenti i successi ottenuti in tema di sicurezza negli ultimi anni da Eni. Obiettivo del progetto è anche quello di perseguire la strada iniziata e sensibilizzare, nonchè migliore la formazione del personale sul tema sicurezza.

Il Safety Road Show inaugurato con la prima visita nella città di Taranto il 12 giugno scorso, ad oggi ha già toccato altri siti operativi dell’azienda: il 2 luglio a Livorno, poi Venezia il 10 luglio, poi è stata la volta della città di Ravenna lo scorso 8 settembre con la presenza presso la sede Eni dell’Amministratore Delegato Claudio Descalzi. I risultati condivisi ad oggi dall’azienda solo per la città di Ravenna parlano di un risultato record di 4 milioni di ore lavorate senza infortuni. Altre tappe in Italia saranno previste nel prossimo periodo nell’ottica di valorizzazione dell’iniziativa Safety Road Show. “Non dobbiamo accontentarci degli ottimi risultati. Il miglioramento continuo è il nostro obiettivo principale, riducendo ancora di più il numero degli infortuni, fino ad arrivare al fatidico obiettivo zero injuries” conferma Giuseppe Ricci Executive Vice President, Health, Safety, Environment & Quality Department di Eni.

Scopri il dossier Sicurezza su eni.com

10.09.15

L’Ad Claudio Descalzi in visita al sito di Ravenna

Nell’ambito del “Programma Sicurezza Italia” l’Amministratore Delegato di Eni Claudio Descalzi ha fatto visita alla sede operativa dell’azienda presso la città di Ravenna. Durante la visita l’AD Eni ha incontrato i dipendenti ed il management aziendale per condividere i risultati raggiunti in termini di sicurezza all’interno dell’impianto. Lo stabilimento petrolchimico di Ravenna, infatti, può vantare più di 1000 giorni senza infortuni e circa 860 giorni solo per i dipendenti. “La sicurezza è un valore imprescindibile per Eni e puntiamo a zero infortuni in tutta l’azienda. Per questo abbiamo lanciato il “Programma Sicurezza Italia” che vede il coinvolgimento del management, dei dipendenti e soprattutto dei contrattisti. Eni si posiziona tra i top performer del settore e pretende anche da chi lavora per Eni lo stesso approccio, perché solo con l’impegno di ognuno di noi potremo raggiungere gli obiettivi ambiziosi ma al tempo stesso imprescindibili che ci siamo posti”, queste le parole dell’AD Eni al termine della visita presso il sito ravennate.

Leggi la notizia su eni.com

13.07.15

L’Ad Eni Claudio Descalzi in visita alla Raffineria di Venezia

Terzo incontro per l’Amministratore Delegato di Eni Claudio Descalzi con le raffinerie del Gruppo. Dopo la visita alle Raffinerie di Taranto e di Livorno, il 10 luglio è stata la volta della Green Refinery di Venezia, sempre nell’ambito del Programma Sicurezza Italia.

Così come nei due precedenti incontri anche a Venezia sono stati illustrati i risultati positivi raggiunti dall’impianto nel 2014 in termini di sicurezza, un obiettivo strategico per Eni. Anche la Raffineria di Venezia ha, infatti, registrato una diminuzione degli infortuni occorsi negli ultimi anni, nello specifico: da più di due anni senza infortuni al personale Eni e più di un anno senza infortuni a terzi.

Leggi la notizia su eni.com

16.06.15

L’Ad di Eni Claudio Descalzi in visita alla Raffineria di Taranto

Claudio Descalzi, amministratore delegato di Eni, ha fatto visita alla Raffineria di Taranto in occasione del Safety Road Show. Obiettivo della visita condividere con management e dipendenti gli ottimi risultati raggiunti da Eni e dalla Raffineria di Taranto nel 2014 in tema di sicurezza. L’azienda ENI nel 2014 si colloca al primo posto in termini di sicurezza rispetto ai principali competitor con una riduzione degli infortuni del 14% se confrontati con l’anno precedente. Questo trend positivo continua anche nel 2015 ed, infatti, ad aprile di quest’anno ENI ha raggiunto il traguardo di “zero infortuni” aziendali su 1.700 giorni lavorativi.

Leggi la notizia su eni.com

28.05.15

Inizia dalla città di Livorno la campagna nazionale sulla sicurezza di Eni

E’ partito oggi dalla Raffineria di Livorno il nuovo progetto di Eni in tema sicurezza. HSE Van Show, è questo il nome della campagna di sensibilizzazione promossa da Eni, prevederà l’utilizzo di due Van che percorreranno oltre 4.000 km di strade ed autostreade italiane al fine di promuovere un maggior impegno individuale per la sostenibilità ambientale e la tutela della sicurezza.

Sono 24 le tappe previste dal cammino dei Van targati Eni in 3 mesi di viaggio. Van che, come detto, partono da Livorno, proprio nella città toscana dove la Raffineria Eni ha raggiunto l’importante traguardo di “zero infortuni” su un totale di 400 dipendenti e tre anni di lavoro.

Leggi la notizia su eni.com

14.05.15

Eni e la sicurezza

Elevato è l’impegno di Eni per ciò che concerne il tema della Sicurezza. Tutti i progetti realizzati negli ultimi 6 anni hanno consentito all’azienda di ridurre del 60% il numero totale degli infortuni consegnando una statistica aziendale secondo la quale la probabilità di infortunarsi lavorando in Eni è oggi inferiore ad una ogni tre milioni di ore lavorate.

Più di 4000 le esercitazioni realizzate, più di 300 milioni gli investimenti nel settore sicurezza, più di 1.000.000 le ore di formazione destinate a tutti gli impiegati Eni sul tema Safety al fine di trasformare ciascun dipendente in un leader della sicurezza, e renderlo maggiormente responsabile del proprio comportamento, ma anche di quello dei propri colleghi, durante una situazione di pericolo.

Scopri il dossier Sicurezza su eni.com